Il talento delle donne: la storia di Milly tra musica e cinema
adv-875

RADIOGOLD – Prosegue il racconto di RadioGold che vede protagoniste quelle donne che, grazie alla loro perseveranza, alle loro doti e alle loro capacità, hanno lasciato un segno indelebile nella provincia di Alessandria. Ecco che dopo madre Teresa Michel è la volta di un’attrice e cantante che ha attraversato quasi tutto il secolo scorso. Parliamo di Carolina Francesca Giuseppina Mignone, in arte Milly. Nata ad Alessandria il 26 febbraio 1905 ad Alessandria, crescerà senza il padre che aveva abbandonato la famiglia nel 1910. Da sempre affascinata dal mondo dello spettacolo, da adolescente inizia a lavorare al Teatro Fiandra, dove debutta come cantante nel 1924. Insieme ai fratelli formerà un trio con i fratelli, con cui inizia a cantare negli spettacoli di avanspettacolo e di rivista. È l’inizio della sua carriera che la porterà negli Anni 30 a lavorare al Teatro Lirico di Milano e al Teatro Reinach di Parma.

Dopo un periodo trascorso in America, nel secondo dopoguerra tornerà sulle scene nostrane grazie a L’opera da tre soldi di Bertolt Brecht, allestita dal Piccolo Teatro di Milano con la regia di Giorgio Strehler dove interpreta la parte di Jenny delle Spelonche. Nel 1957 e nel 1958 affianca Corrado nel programma Il Caffè dei vecchi amici in radio. Nel 1962 è protagonista, insieme ad Enzo Jannacci, Tino Carraro, Sandra Mantovani e Anna Nogara, dello spettacolo di poesia e musica milanese Milanìn Milanon. Spesso ospite in televisione duetterà anche con Mina. Il decesso avverrà a Nepi, vicino a Roma, il 22 settembre 1980.

CURIOSITÀ SU MILLY

Milly è stata protagonista di ben 12 film tra il 1932 e il 1970. Il regista più importante con cui ha collaborato è senza ombra di dubbio Bernardo Bertolucci che la scritturò per un ruolo ne Il conformista. Nella pellicola la cantante interpretava il ruolo della madre del protagonista Marcello Clerici (Jean-Louis Trintignant).

Esiste un’accurata bibliografia che racconta Milly. Il libro più importante, nonché interamente dedicato a lei, è quello di Eduardo Paola e Giovanna Castellano intitolato Milly – la vita e la carriera di Carla Mignone del 2015 seguito da Milly, donna di teatro di Elia di Menza. A questi si aggiungono l’Enciclopedia della canzone italiana di Gino Castaldo, Saluti e baci – L’Italia del varietà e dell’avanspettacolo di Massimo Scaglione e Attori milanesi in scena. Milly, Tino Scotti e Walter Chiari di Silvia Tisano.