I Cissaca Bulls vincono l’ultima tappa dello Special Basket

Tutti ai piedi dei Cissaca Bulls. I campioni alessandrini si sono aggiudicati, a Biella, la seconda tappa dello Special Basket 2014. Impegnati insieme a loro nella specialità del 3vs3 altre undici formazioni provenienti da Piemonte e Lombardia. Il mattino, dedicato agli incontri preliminari disputati per selezionare gironi composti da squadre di livello omogeneo, ha fatto segnare la prima vittoria di giornata a scapito del Team Passportout di Varallo Sesia.

Nel tabellone ufficiale i Bulls hanno affrontato al primo turno i padroni di casa dell’Asad Biella Blu. Kondi e Zanda sono subito entrati in partita e fanno segnare un break importante di 8 a zero. A poco è servita la buona partita di Luca De Pieri (nel roster della nazionale italiana Special Olympics ai Giochi Europei di Roma 2006), che ha tentato invano di ricucire lo strappo. Il match si è concluso prima del 20° minuto di gioco per il raggiungimento anzitempo del punto numero 20, che significa prima vittoria di giornata e una prestazione da incorniciare per tutti i componenti del roster che si dividono equamente il referto con 4 punti a testa.
In semifinale il destino ha posto sul cammino dei mandrogni l’altra formazione di casa. L’Asad Biella Bianca è scesa in campo con l’intenzione di vendicare la sconfitta dei compagni blu. L’ala Naim Kalid, in doppia cifra alla sirena, ne ha messe 3 di fila e porta Biella sul 6 a 0. Durante il time-out tecnico coach Petrozzi ha deciso il passaggio dalla zona ad una difesa ad uomo più aggressiva allo scopo di limitare il tiro da fuori dei lanieri. Il cambio tattico ha dato subito i suoi frutti: la new entry assoluta, la guardia astigiana Samantha Scioscio, al suo esordio tra le file dei Bulls, ha preso in mano le redini dell’incontro e segnato 8 punti di fila che significano sorpasso.
Il match si è chiuso con relativa tranquillità con un +9 che ha significato finalissima per l’oro. Di fronte gli avversari di sempre del Pandha Torino, anche loro a punteggio pieno. La chiave dell’incontro è stata limitare il tiro da sotto del centro Mazzo, una presenza importante nel pitturato. La marcatura ad uomo è toccata a Stasio che ha portato a termine in maniera perfetta il suo compito limitando lo score dell’avversario a soli 2 punti. La partenza è stata in salita per i mandrogni che sono subito andati sotto di 5 e hanno stentato a ritrovare la fluidità di inizio torneo. Il gioco molto fisico dei cugini ha costretto Fishta e Kondi a caricarsi di falli e a rischiare l’uscita anticipata dal parquet. Complice la zona 1-2 dei Pandha che hanno fatto densità in area, ai Tori non è rimasto altro che giocare la carta del tiro da fuori. Zanda è andato a segno dalla media distanza in precaria posizione di equilibrio e ha restituito fiducia ai compagni che hanno cominciato a crederci. Fishta ha rubato palla sulla rimessa successiva, segnando il canestro del -1 subendo fallo, e mettendo a referto anche il libero addizionale del pareggio. A 30 secondi dalla fine è stato il play Kondi a prendersi la responsabilità dell’ultimo tiro, dopo aver sfruttato il blocco di Stasio ha chiuso il pick and roll con un canestro da sotto. Nonostante l’uscita anticipata di Fishta per sopraggiunto limite di falli, i Bulls hanno difeso sino alla sirena il +2, che ha significa oro.
Un successo meritatissimo che migliora la seconda piazza conquistata nell’edizione 2013 e fornisce ad atleti e staff le motivazioni per continuare a fare bene anche nel prossimo appuntamento, che li vedrà protagonisti domenica 16 febbraio a Limbiate, per la terza tappa dello Special Basket dedicata alla pallacanestro 5vs5 tradizionale.

adv-537