Musso
adv-515

CASALE – A testa alta e con grande orgoglio ma la Novipiù Junior Casale deve dire addio ai sogni promozione. Al primo turno dei playoff della serie A2 i rossoblu di coach Ferrari hanno perso gara 4 56-61 al PalaFerraris contro Tezenis Verona che si è così aggiudicata la serie per 3-1. Martinoni e compagni erano andati al riposo in vantaggio di cinque punti ma nella ripresa gli scaligeri hanno reagito e messo la freccia. Casale ci ha provato fino alla fine ma si è dovuta arrendere. Doppia doppia per Pinkins, con 25 punti e 12 rimbalzi, in doppia cifra anche Pepper a 13, con 8 rimbalzi. Giornata no per Musso, per lui solo una tripla a bersaglio su sei tentativi.

“Abbiamo giocato con coraggio, avevo chiesto quello che poi hanno fatto: una prova di carattere e orgoglio” ha detto a fine gara il presidente d’onore Giancarlo Cerutti “Anche chi aveva degli acciacchi non si è tirato indietro. Grazie al pubblico che ci ha sostenuto con passione: anche quest’anno i tifosi hanno dimostrato un attaccamento forte e li ringrazio. La squadra e il coach hanno centrato l’obiettivo playoff che avevamo chiesto loro“.

La cronaca della partita tratta dal sito della Junior

adv-403

Avvio di partita contratto per le due formazioni con i tiri che s’infrangono sul ferro complici anche le difese serrate: è Denegri, dalla media, a sbloccare il punteggio con Cattapan che vola a stoppare Vujacic e Pinkins che piazza la tripla del 5-0 dopo il rimbalzo di Cesana. La Tezenis risponde con Poletti dalla lunga distanza e il botta e risposta tra Pinkins e Candussi tiene gli ospiti sul -2; i rossoblu tengono alta la difesa, ma è ancora Candussi a trovare il canestro del 7-7. Il nervosismo si fa sentire in questo primo quarto e Poletti vince un viaggio in lunetta (1/2) per poi andare ancora a canestro da sotto le plance: Pinkins non ci sta e trova nuovamente il fondo della retina (9-10). Martinoni non è preciso a cronometro fermo (1/2) mentre Ikangi e Musso chiudono il primo quarto 12-12.

Difese serrate in questo avvio di secondo periodo con il canestro di Cesana a sbloccare la situazione dopo 3′ esatti di gioco: Candussi risponde prontamente nell’altra metà campo, ma Musso non ci sta e infila la tripla del 17-14. Pinkins e Ikangi muovono le rispettive retine mentre Amato realizza solo uno dei liberi a disposizione: anche Dieng s’iscrive a referto con una tripla, ma Pepper risponde con la stessa moneta. Pinkins va a segno dal pitturato ed è timeout per coach Dalmonte: al rientro è Vujacic a realizza dai 6.75 metri, con ancora Pinkins a muovere la retina rossoblu dall’area. I tiri liberi sorridono a Vujacic (2/2) mentre la tripla di Denegri chiude il secondo quarto sul 31-26.

Il terzo periodo vede in avvio i canestri di Candussi e Poletti, con Severini che piazza la tripla del sorpasso (31-33) mentre i tiri dei rossoblu s’infrangono sul ferro: la Tezenis ne approfitta con il solito Candussi, mentre Cesana vince un viaggio in lunetta (1/2). Poletti torna a mostrare i muscoli sotto le plance e Pinkins non è da meno (34-37), con Italiano che non sbaglia a cronometro fermo: Ikangi punisce i rossoblu dall’arco ed è timeout per coach Ferrari. Vujacic realizza solo uno dei liberi a disposizione (36-41) con la Junior che prova a stringere le maglie della difesa; la tripla di Pepper accorcia ulteriormente il gap di svantaggio rossoblu ma Ferguson non ci sta e vola a segno dall’area. Pinkins è chirurgico ai tiri liberi (2/2) mentre Udom ne realizza solo uno di quelli a disposizione e il terzo quarto termina 42-44.

adv-462

Il canestro di Poletti inaugura l’ultimo quarto e Udom realizza solo uno dei liberi a disposizione: Pepper risponde immediatamente con la tripla che vale il 45-47, ma Amato lo imita senza paura. Pinkins trova un gioco da tre punti fondamentale per i suoi ma Verona non ha intenzione di cedere e con Amato e Poletti incrementa nuovamente il suo vantaggio: gli ospiti sembrano aver trovato la giusta inerzia (48-55) ma la Novipiù non lascia un solo centimetro di campo libero. Pinkins prova a farsi valere a rimbalzo ma i rossoblu litigano con il ferro e Vujacic ne approfitta subito per il 48-57: Amato realizza dalla linea della carità (2/2) mentre Martinoni non è così chirurgico (1/2). La Junior non smette di mettere aggressività in difesa e Pepper vola a canestro seguito a ruota da Pinkins (54-59): è timeout per coach Dalmonte. I rossoblu non riescono a sfruttare l’antisportivo fischiato a favore di Denegri: i rossoblu tentano l’ultimo assalto ma la Tezenis Verona porta a casa la vittoria 56-61.