Bertram Derthona corsara a Verona: i leoni sfondano quota 100 punti

VERONA – Altri due punti per Bertram Derthona. Nell’ultima giornata della A1 i ragazzi di coach Ramondino hanno vinto 102-80 in trasferta contro Scaligera Verona. Sotto di sei punti all’intervallo, i bianconeri hanno subito rialzato la testa nel terzo, per poi dilagare nell’ultima frazione. Ben sei i cestisti tortonesi in doppia cifra: Christon, Harper, Daum, Macura, Radosevic e Filloy. I rossoblu pagano dazio con sei palle perse contro le zero della Bertram.

Il prossimo impegno dei leoni sarà sabato 10 dicembre alle ore 20.30 al PalaEnergica contro la Dinamo Sassari.

La cronaca della partita tratta dal sito di Derthona Basket

Coach Ramondino schiera in campo Christon, Harper, Macura, Daum e Cain. I bianconeri partono forte costringendo Verona al time out dopo 2 minuti e mezzo di gioco (0-6). La Tezenis prova a riavvicinarsi con le giocate di Holman e Cappelletti, ma approfittando delle palle perse dei padroni di casa, la Bertram dilata il proprio gap: il quarto si chiude sul +11 (14-25).

Nel secondo periodo i padroni di casa crescono di intensità, spingono sull’acceleratore e, trascinati da Cappelletti e Anderson, prima impattano il match e poi si portano avanti (44-38).

Al rientro dalla pausa lunga i Leoni ritrovano maggior fluidità in attacco e, spinti dalla verve offensiva di Christon e Macura, si riportano avanti. Anderson e Bortolani provano a rispondere ma l’ultimo canestro di Radosevic vale il +7 dopo 30 minut i 61-68).

Nella prima parte dell’ultimo periodo la Bertram dilata ulteriormente il gap grazie alle giocate di Radosevic e Harper portandosi sul +15 a metà quarto. Nei minuti conclusivi i bianconeri raggiungono il massimo vantaggio (+23) che amministrano con lucidità e carattere conquistando la settima vittoria in campionato 80-102.

Così coach Ramondino al termine della gara: “E’ una vittoria molto importante per noi, in  trasferta. Abbiamo giocato una buona partita, con continuità e facendo cose buone da entrambi i lati del campo e questo è un aspetto molto importante. Credo che per 3 quarti su 4 (il primo, il terzo e l’ultimo) abbiamo giocato veramente molto bene, con continuità, muovendo la palla, facendo le scelte giuste, difendendo e trovando un buon contributo da parte di tutti. Nel secondo quarto abbiamo giocato in maniera affrettata andando un po’ dietro a Verona e, al di là della loro reale capacità di concretizzare alcune nostre scelte affrettate, è stato il nostro modo di giocare che ha fatto alzare il ritmo della partita, accendere Verona e aumentare il numero di possessi avversari. Nel secondo tempo abbiamo avuto un contributo molto maggiore e molto importante da parte di tutti i giocatori, anche da quelli entrati dalla panchina, e questo ci ha permesso di poter salire di colpi nel corso degli ultimi due quarti e vincere con un margine importante che, alla fine, non rispecchia realmente la prestazione dei nostri avversari”.

Foto Ciamillo