Rimonta sfiorata dalla Junior, alla fine esulta Trapani

Novipiù Casale sconfitta ma a testa alta, in trasferta, da Lighthouse Trapani. Passo falso in trasferta dei rossoblu, penalizzati da un Dillard gravato di falli ma mai domi nel quarto quarto. Trapani sempre avanti nel punteggio alla fine del primo quarto (19-16) e all’intervallo (37-29). I siciliani dell’ex Giancarlo Ferrero sembrava avessero preso il largo dopo 30 minuti, (59-45) ma Martinoni e compagni sono riusciti ad arrivare fino al meno due, trascinati da una tripla finale di Jackson e da una giocata da tre punti, canestro e fallo, del giovane Fall. Alla fine, però, sono stati decisivi i liberi del siciliano Parker. Mattatore della serata Lowery che, con i suoi 20 punti, ha mandato in visibilio il PalaAuriga. Casale però non ha mai mollato. “Abbiamo sofferto molto all’inizio l’atletismo e la fisicità di Trapani” ha detto in sala stampa coach Giulio Griccioli “a tratti andando a sbagliare anche le giocate più semplici. Una difficoltà che abbiamo sofferto nel punteggio, con un gap che si è sempre più allargato fino a sembrare irrecuperabile. Nella seconda parte di gara invece abbiamo giocato meglio, soprattutto in difesa e creando di più in attacco. Con grande spirito abbiamo recuperato l’irrecuperabile, sono soddisfatto di aver visto una squadra che non ha mai smesso di crederci e non ha mai mollato, fino alla fine”.

adv-460

La cronaca della partita tratta dal sito della Junior

Buon inizio per la Junior, che chiude i primi 4′ di confronto sul 2-5 grazie alla tripla di Cutolo. E’ un primo quarto nel quale le squadre faticano a trovare la via del canestro, Bruttini sigla l’allungo ospite sul 4-9, ma i padroni di casa recuperano il gap e con Ferrero siglano la parità, 9-9 a 3′ dalla prima sirena. Le due formazioni viaggiano a braccetto, Baldassarre capitalizza il contropiede con il primo vantaggio granata (15-14), il primo quarto si chiude sul 19-16. In avvio di secondo quarto si illumina la luce di Casini, che trascina la Junior fino al vantaggio ospite, subito replicato da due giocate di Renzi che sigla il 23-22. Lowery risponde a Dillard e mantiene Trapani a +1 (25-24). Botta e risposta Martinoni-Rizzitiello, Parker sigla sotto canestro il 29-26, Lowery sfrutta il fallo di Dillard e dalla lunetta firma il +5 per i padroni di casa. La Junior perde lucidità offensiva, e Trapani ne approfitta portando il break a 10-0, 35-26. Baldassarre non sbaglia dalla lunetta, Cutolo sblocca Casale proprio a ridosso della sirena e manda le squadre negli spogliatoi con la tripla del 37-29. Buon avvio di ripresa per Trapani, con Parker che spara la bomba del 42-32, vantaggio rimpinguato di altre due lunghezze da Ferrero, preciso in lunetta. I padroni di casa toccano il +13 con Renzi, Dillard risponde siglando il canestro che vale il 47-37 a metà terzo quarto. Renzi mette le ali alla Lighthouse, che con la tripla di Lowery vola sul +18 (54-36). La Junior ritrova la via del canestro con Jackson, che evita il -20, poi Casini accorcia la distanza dalla lunetta prima del canestro di Fall che sigla il 56-43. La Junior vuole tornare in partita, l’uno-due Rizzitiello-Casini fissa il risultato sul 59-45 a fine terzo quarto. Amato inaugura l’ultima fetta di gara con la tripla del -11, Trapani sfrutta la lunetta per portare il confronto sul 63-48. Casini accorcia le distanze ma i rossoblù non hanno continuità offensiva, i padroni di casa ne approfittano per mantenersi sul +15. Cutolo spende il quinto fallo e abbandona il confronto, Jackson prima mette i liberi del 66-53 a 6′ dalla fine, poi infila la tripla del -12. Si accende Dillard, che con due triple porta Casale sul 69-62 a 4′ dalla fine. Casini risponde a Parker, che poi trova in acrobazia il canestro del 73-64. Martinoni lotta nel pitturato e firma il 74-67, poi Jackson a 30” dalla fine firma la tripla del 74-70. Dillard spende il quinto fallo e manda in lunetta Parker, poi giocata preziosissima di Fall, 2+1 che vale il 75-73 a 20” dalla fine. Parker non fallisce i liberi del nuovo +4, Casale prova un ultimo disperato attacco ma non trova il canestro, finisce 77-73.