casale_milano_city
adv-544

CASALE FBC – MILANO CITY 2-0

Reti: pt 21’ Coccolo; st 31’ Simone (C)

Casale Fbc (4-2-3-1): Fontana; Di Giovanni (45’ st Pinto), Cintoi, Villanova, M’Hamsi; Vecchierelli, Todisco (29’ st Cardini); Simone, Marinai (42’ st Fabbri), Coccolo (50’ st Angelo Buglio); Cappai. A disp.: Consol, Bettonte, Osellame, Rrushi, Colla. All.: Francesco Buglio

adv-39

CASALE MONFERRATO – Percorso netto per il Casale Fbc che, contro il Milano City dell’ex tecnico casalese Ezio Rossi (artefice della storica promozione in Serie D tre stagioni fa) ottiene la decima vittoria stagionale (2-0 con un gol per tempo, autori Coccolo e Simone) e il sedicesimo risultato utile consecutivo. Questo significa che la squadra di mister Francesco Buglio (espulso per proteste ad inizio ripresa, domenica prossima assisterà dalla tribuna alla partitissima contro la capolista Lecco), arriva allo scontro diretto contro i primi della classe con una sola sconfitta, maturata, guarda caso, contro la battistrada. Nel girone d’andata, (da ricordare la vittoria iniziale con il Sestri Levante ed il successivo pareggio contro il Milano City), dopo lo stop casalingo ottenuto contro il Lecco lo scorso 30 settembre, Cintoi e compagni hanno sempre mosso la classifica, prima con gli ormai famosi sei pareggi consecutivi, a cui sono seguite poi nove vittorie, inframmezzate dal pareggio contro l’Unione Sanremo. Ora, con 38 punti all’attivo, è tempo di rivincita in una partita che i “Neri” giocheranno tra sette giorni su “quel ramo del lago di Como” a viso aperto, senza alcun timore reverenziale e ancora imbattuti fuori casa, contro la corazzata che guida con dieci punti di vantaggio proprio su Casale, Savona e Unione Sanremo. La piazza d’onore è ormai un discorso a tre. Infatti, l’altra notizia del giorno è che la squadra del presidente Coppo dopo la seconda giornata di ritorno ha raggiunto in classifica le due squadre del ponente ligure, apparse ultimamente in crisi di gioco e di risultati e con il freno a mano tirato.

La cronaca. Pomeriggio soleggiato e non particolarmente freddo. Presenti al “Natal Palli” oltre 450 spettatori. Casale privo degli squalificati Bettoni (tre giornate dopo l’espulsione di Sestri Levante) e Pavesi, un turno per aver esaurito il bonus delle ammonizioni, ma con la buona notizia di aver quasi svuotato l’infermeria. Fermi solo Sadouk e Mirko Mazzucco. Nerostellati in campo con il consueto modulo 4-2-3-1. Con l’apertura del mercato di inizio anno solare dei club professionistici, il sodalizio nerostellato non è rimasto alla finestra e si è rafforzato raggiungendo l’accordo per il tesseramento del giocatore Antonio Pinto e per il trasferimento a titolo temporaneo del calciatore Lorenzo Brugni. Pinto è un difensore centrale classe 2001 proveniente dall’Alessandria, mentre Brugni, è un centrocampista classe 2000 di proprietà dell’Alessandria e in forza all’Unione Sanremo nella prima parte di stagione. Pinto, portato in panchina, ha debuttato nei minuti di recupero di fine partita. Il Milano City (espressione della ex Bustese di Busto Garolfo) si schiera con un modulo 3-4-1-2. Il sodalizio granata ha ingaggiato l’ex nerostellato Hamza Kerroumi (presente in tribuna), ma il tesseramento non è stato ancora confermato dalla Lega Nazionale Dilettanti. Uno striscione per Ezio Rossi compare sulle tribune del “Palli”: “Casale ti rende onore”. Casale subito brillante. M’Hamsi (migliore in campo) al 3’ entra in area dalla sinistra e conclude con tiro ribattuto da Frigione. Al 7’ verticalizzazione centrale nerostellata con Marinai e conclusione rasoterra di un soffio a lato. Il Milano City si mette in luce al 10’. Contropiede di Speziale, assist per Boccadamo con tiro bloccato dal portiere Fontana. Ci riprova Boccadamo (12’) con un altro tentativo a fil di palo. M’Hamsi (13’) è incontenibile sulla fascia sinistra (spina nel fianco della difesa milanese), offre a Cappai una ghiotta opportunità su cui Frigione si salva mettendoci una pezza. A 21’ il Casale passa in vantaggio. Il solito M’Hamsi scodella un pallone d’oro per la testa di Coccolo che colpisce debolmente ma deposita il pallone che lentamente si insacca a porta vuota, complice lo svarione difensivo e l’uscita fuori tempo di Frigione: 1-0. Il Milano City tarda a reagire. Così il Casale gestisce bene l’incontro consentendo solo al 35’ agli avversari di rendersi pericoloso. Selvatico apre a Neto Pereira (40 anni e non sentirli), triangolo con Selvatico che conclude alto sulla traversa della porta di Fontana.

La ripresa (7’) si apre con l’espulsione di mister Francesco Buglio per le reiterate proteste all’indirizzo della panchina del Milano City e dell’arbitro (ingresso in campo del tecnico casalese) dopo un fallo di De Bode su Cappai, avvenuto davanti la panchina del Casale. La partita cala di intensità agonistica e di emozioni da rete ma aumenta il nervosismo, con quattro ammonizioni tra gli ospiti. Al 12’ angolo di Marinai ed insidioso colpo di testa di Cappai che di poco non centra il bersaglio. Dall’altra parte Speziale (migliore dei suoi) al 17’ ci prova senza inquadrare lo specchio della porta. Una rapida incursione di Marinai alla mezzora per Cappai che perde l’attimo fuggente da ottima posizione, fa da preludio al raddoppio del Casale. Simone (31’) recupera una palla vagante e quasi dal limite dell’area di rigore fa partire un pregevole rasoterra di destra che supera Frigione: 2-0. L’ultima emozione al 36’ con il Milano City che sfiora il gol. Fontana si oppone strenuamente al neoentrato Mair con Mecca che non riesce a sfruttare la respinta acrobatica del portiere nerostellato.

adv-787

Domenica partitissima a Lecco contro la capolista. La tifoseria nerostellata è mobilitata e sta organizzando l’attesissima trasferta allo stadio Rigamonti Ceppi.