pro_piacenza
adv-206

CUNEO – “Una pagina schifosa del calcio“. Questo il duro commento del presidente dell’Alessandria Calcio Luca Di Masi sulla gara di oggi tra Cuneo e Pro Piacenza. La società emiliana si è infatti presentata con appena sette giocatori e senza nemmeno l’allenatore. Cirigliano, un giocatore classe 2000, è stato inserito in distinta in qualità di capitano e mister. 20-0 il risultato finale in favore dei cuneesi.

Tragicomico, poi, quello che è accaduto poco prima della gara. Isufi, infatti, non aveva con sé un documento e al suo posto è stato inserito il massaggiatore della squadra, Picciarelli, poi uscito per infortunio.

“Sono cose allucinanti, a chiunque viene poca voglia di fare calcio vedendo queste cose, non parlo di me” ha continuato il presidente dei grigi “Noi siamo andati a Piacenza per una farsa e ora può darsi che dovremo tornare a marzo per il recupero. Questo episodio non doveva assolutamente capitare. A gennaio ci dissero che entro tre giorni il Pro sarebbe stato escluso dal campionato, evidentemente non è stato così. Una cosa raccapricciante”.

Di seguito le parole del presidente Di Masi

“Sarà l’ultima farsa” le parole del presidente della Figc Gabriele Gravina all’Agenzia Ansa “Quanto accaduto con la squadra del Pro Piacenza è un insulto allo sport e ai suoi principi fondanti. In questa situazione surreale, la Figc aveva il dovere di far rispettare tutte le regole ed ha esercitato tale ruolo. La nostra responsabilità è quella di tutelare la passione dei tifosi, gli imprenditori sani e la credibilità dei campionati”.