adv-22

ALESSANDRIA – Quella di sabato 30 novembre all’Auditorium del complesso di Marengo è stata una giornata da ricordare. Un incontro, contestualizzato nella giornata internazionale delle persone disabili che ricorre il 3 dicembre, che ha coinvolto in prima persona numerosi ospiti provenienti da varie regioni d’Italia. Il gruppo Trigeminus, composto dai fratelli Mara e Bruno Bergamasco, ha portato in scena l’interpretazione di situazioni quotidiane in modo sorridente.

Durante l’evento hanno partecipato diverse autorità della provincia e del comune di Alessandria. Tra loro anche l’assessore Gianni Barosini presidente Provinciale della FAND – Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità (ANMIC, ANMIL, ENS, UICI, UNMS, ANGLAT, ARPA). “Lavoriamo tutti insieme affinché un vero processo di inclusione porti le persone con disabilità a essere riconosciuti socialmente attivi ed educatori. Questo è il nostro impegno ed è la ricchezza della diversità da cui partiamo. Gli attori, non hanno raccontato favole, ma una realtà che si incontra sul mondo del lavoro che colpisce seicento ila persone con infortuni vari e oltre mille morti nel 2018“, ha detto Barosini.

L’assessore ha voluto ricordare come l’evento abbia il compito di “trasmettere un messaggio ben chiaro alle istituzioni pubbliche e private affinché ascoltino e si rendano partecipi delle necessità delle persone con disabilità“. Presenti in sala anche i presidenti ed i rappresentanti di numerose associazioni, oltre allo scrittore Amedeo Bozzer autore di Parole d’Autore – Si scrive Handicap si legge cultura.

Da segnalare che grazie alle testimonianze del linguaggio dei segni dell’associazione ENS e dell’opera formativa dell’Unione Giornalisti e Comunicatori Europei, partirà da Marengo una nuova battaglia: “Il mondo è fuori e là bisogna ritornare; è certo che da un centro di riabilitazione si ritorna con un’altra visione del mondo e di sé stessi“.