adv-70

RENATE – ALESSANDRIA 2-1

Marcatori: Galuppini (R) al 18′, Eusepi (A) al 58′, Rada (R) al 73′.

MEDA – Continua a non decollare il cammino dell’Alessandria, che a Meda perde 2-1 contro un Renate più agguerrito e determinato. Troppi errori per la squadra di Gregucci, che nel primo tempo non sono mai pericolosi e nella ripresa, dopo aver raggiunto il pari, subiscono l’ennesimo gol causato da una leggerezza in fase di possesso. La scelta di non schierare Eusepi dal primo minuto porta troppo poco peso offensivo, mentre la fase difensiva compie un netto passo indietro, con disattenzioni che avrebbero potuto causare un passivo anche più ampio. La prova di maturità la supera meritatamente il Renate e ora per l’Alessandria la prossima gara contro la Pro Vercelli diventa l’ultima chiamata per non far spegnere del tutto la speranza di riagganciare zone più nobili della classifica.

adv-908

Prima frazione di gioco da dimenticare per l’Alessandria, che non riesce a rendersi pericolosa dalle parti di Gemello e al 18′ subisce il gol di Galuppini. Blondett commette fallo al limite dell’area, viene ammonito e direttamente da calcio di punizione Galuppini si conferma in gran forma, battendo Pisseri con una precisa traiettoria. La squadra di Gregucci accusa il colpo e al 24′ rischia grosso quando Guglielmotti, sfruttando un errore della difesa grigia in fase di impostazione, si trova a tu per tu con Pisseri, ma calcia altissimo. L’unica occasione per il pari si materializza al 38′ con Arrighini, che riceve da Casarini e conclude senza inquadrare lo specchio.

La ripresa inizia con tutt’altro piglio, anche grazie all’ingresso di Eusepi e Rubin al posto degli spenti Chiarello e Celia. Protagonista è proprio il numero 9 grigio che viene fermato per due volte da Gemello, ma al 59′ è bravissimo a sfruttare un errore della retroguardia lombarda, a resistere a Silva e trovare il gol del pari. Il Renate, però, non sta a guardare: se al 50′ Pisseri era stato miracoloso su Maistrello, al 66′ è di nuovo Guglielmotti a sprecare un’ottima occasione calciando alto. Al 73′ però gli sforzi dei padroni di casa portano i frutti, con Kabashi che verticalizza per Rada, che supera Pisseri e riporta in vantaggio il Renate. Mister Diana rinforza la difesa con l’ingresso dell’ex grigio Damonte e con Sorrentino, mentre Gregucci inserisce Stijepovic al posto di Di Quinzio e all’86’ anche Mora al posto di Parodi. Il tentativo di forcing finale per riagguantare il pari è timido e il Renate può festeggiare la quarta vittoria consecutiva.

 

adv-723