adv-957

ALESSANDRIA – “Una brutta battuta d’arresto da non ripetere”. Il portiere dell’Alessandria Matteo Pisseri ha commentato così il ko di sabato contro il Renate che ha relegato i grigi in nona posizione, a -8 punti proprio dalla squadra nerazzurra, prima della classe. Da sabato la squadra non ha mai smesso di allenarsi. Nessuna pausa per il gruppo di mister Gregucci, chiamato al pronto riscatto domenica contro la Pro Vercelli, un’altra formazione di alta classifica, la seconda forza del campionato.

Allenarsi anche di domenica è stata un’occasione importante per prepararci meglio alla prossima gara” ha commentato l’estremo difensore “anche perché quest’anno, visti i turni infrasettimanali abbiamo fatto poche settimane complete. Il gruppo rema comunque tutto dalla stessa parte”. 

Pisseri ha poi analizzato il ko di sabato, un imprevisto passo indietro dopo un trend che pareva in miglioramento (anche se inframmezzato dallo scivolone con l’Albinoleffe): “Eravamo partiti per fare punti ma siamo ricaduti in errori già commessi” ha detto Pisseri “dobbiamo capire che contro di noi tutti gli avversari danno qualcosa in più. Sono mancati equilibrio, determinazione e continuità. Non possiamo più permettercelo”. 

adv-82

Il portiere ha poi analizzato quanto, in questo momento difficile, possa aver inciso l’aver esplicitato in modo così netto già quest’estate l’obiettivo dell’anno: “Di certo non ci ha fatto pensare di essere superiori agli altri anche prima di giocare. Sapevamo che sarebbe stato un campionato duro, equilibrato, con partite caratterizzate da un agonismo marcato. C’è però stato un passo indietro dal punto di vista mentale. In questi giorni abbiamo avuto un confronto interno al gruppo, col ds Artico e col mister Gregucci che si sono fatti sentire. Bisogna invertire subito la rotta. Col presidente Di Masi per il momento non abbiamo parlato direttamente, anche se basta la sua presenza allo stadio per spronarci. Sappiamo quanto ci tiene e l’importanza del club. Primo posto lontano otto punti? Non è un elemento che abbiamo considerato. La cosa fondamentale è vincere la prossima partita, è un’occasione che non possiamo farci sfuggire”.