Longo: “Abbiamo pensato di poter gestire la gara e abbiamo concesso tanto all’Olbia”
adv-813

OLBIA – Seconda vittoria su due gare sulla panchina grigia per Moreno Longo. In Sardegna la sua Alessandria ha battuto 2-1 l’Olbia, grazie alle reti di Corazza su rigore e di Cosenza, con la decisiva complicità del portiere dei sardi Tornaghi. L’Olbia, però, si è confermata una squadra molto ostica, specie fra le mura amiche, mettendo in seria difficoltà un’Alessandria salvata da un monumentale Pisseri. “Ci aspettavamo una partita difficile perché l’Olbia”  ha dichiarato l’allenatore grigio, che ha subito messo in evidenza l’errore commesso dai suoi: “Dopo il doppio vantaggio abbiamo pensato di poter gestire la partita. Inconsciamente ci siamo abbassati e abbiamo concesso tanto agli avversari, invece di cercare il terzo gol. Questo non mi è piaciuto“.

Nel girone d’andata molte squadre di alta classifica non sono riuscite a imporsi contro i sardi, dimostrazione di una squadra che sa mettere in difficoltà le proprie avversarie: “Nonostante la classifica, l’Olbia è un’ottima squadra. Questa è stata una vittoria che la squadra ha voluto fortemente, con le unghie e con i denti. Avevo chiesto spirito di adattamento e zero alibi, perché sappiamo che dobbiamo migliorare. Ad esempio nella gara di oggi abbiamo avuto troppo fretta una volta recuperato il pallone“.

adv-149

Per mister Moreno Longo in questo periodo di transizione l’aspetto caratteriale ricopre un ruolo fondamentale: “Bravi anche a soffrire? Certo, non possiamo permetterci di pensare che gli avversari ci regalino le partite. Il sacrificio, lo spirito di gruppo, l’abnegazione devono essere le nostre caratteristiche primarie. Sono arrivato ad Alessandria per costruire e questo lo si può fare solo con questa mentalità. Sul lungo periodo emergeranno anche le nostre caratteristiche“.

adv-245