Alessandria Calcio, dov’è la vittoria? A Pontedera l’ennesima X
adv-886

PONTEDERA – Ancora un pareggio per l’Alessandria, che in trasferta sul campo del Pontedera non va oltre allo 0-0 e centra il terzo pareggio consecutivo. Nelle ultime quattro gare la squadra di Moreno Longo ha conquistato tre punti, subendo tre gol e mettendone a segno soltanto due: numeri impietosi che descrivono il vortice negativo dal quale i Grigi al momento sembrano non avere le forze (e le idee) per uscire. A questo si aggiungono una lunga serie di infortuni che complicano ancora di più il lavoro di mister Moreno Longo, che prima del fischio d’inizio ha dovuto rinunciare anche a Eusepi e Macchioni per infortunio, oltre ai lungodegenti Mora, Mustacchio e Bruccini. La ciliegina sulla torta è la squalifica di Parodi, che porta l’allenatore ex Torino a schierare Chiarello sulla fascia destra.

Il pareggio interno della Juventus Under 23 contro la Lucchese permette all’Alessandria di rimanere al sesto posto in classifica, a un punto dalla quinta (la Pro Patria sconfitta in casa dalla Pergolettese) e a tre dal Lecco, attuale quarta forza del girone.

Nonostante l’emergenza sulla fascia destra, mister Moreno Longo conferma il 3-5-2 con Pisseri in porta; Prestia, Di Gennaro e Sini in difesa; Casarini, Giorno e Di Quinzio a centrocampo, con Celia sulla fascia sinistra e Chiarello al posto di Parodi su quella destra. In attacco rientra dalla squalifica Arrighini, in coppia con Corazza, complice anche l’infortunio che prima del match ha messo ko Eusepi. Stop anche per Macchioni.

Nel primo tempo la partenza dell’Alessandria è promettente, ma è il Pontedera a sfiorare il gol: Sini sbaglia un passaggio, Magrassi ne approfitta, ma l’uscita di Pisseri è provvidenziale. La risposta dell’Alessandria è affidata a un cross di Arrgihini, sul quale Corazza non arriva. Barba e Catanese mantengono alta la tensione di Pisseri, mentre per l’estremo difensore toscano Sarri il pomeriggio è molto più tranquillo.

Anche nella ripresa i Grigi non riescono a concludere: mister Longo inserisce Frediani, Gazzi e Stanco, ma la svolta non arriva. Le emozioni arrivano nel finale: prima l’Alessandria protesta per un fallo di mani in area non fischiato, mentre all’88’ la punizione di Caponi colpisce la traversa.