Mister Longo: “A Pontedera sono mancate qualità e precisione. Serve osare di più”
adv-964

PONTEDERA – Contro il Pontedera arriva il terzo pareggio consecutivo per l’Alessandria, che nelle ultime quattro giornate ha raccolto soltanto tre punti. Nel post partita l’allenatore grigio Moreno Longo ha commentato il difficile momento che la sua squadra sta attraversando, complici numerosi infortuni. Prima del match contro il Pontedera, infatti, si sono fermati ai box anche Eusepi e Macchioni, oltre ai lungodegenti Mora, Mustacchio e Bruccini e allo squalificato Parodi.

Eusepi ha avvertito un fastidio al pube che non gli permetteva di scattare, mentre per Macchioni si tratta di sciatalgia. In un momento come questo, con tante pedine indisponibili, questi infortuni hanno reso più difficili le scelte sia prima sia durante la gara“, ha commentato l’ex granata, ammettendo le difficoltà incontrate dai suoi giocatori. “Rispetto alle ultime partite, contro il Pontedera abbiamo fatto più fatica negli ultimi metri: sono mancate qualità e precisione e quindi non abbiamo trovato le soluzioni per renderci pericolosi“.

Molti addetti ai lavori avevano ipotizzato un passaggio alla linea difensiva a quattro, ma l’allenatore grigio ha confermato l’ormai consueto 3-5-2: “Rifarei questa scelta. Troppo alto il rischio di far perdere quelle certezze dello schema di gioco in cui si riconoscono i giocatori. Inoltre nel caso di un passaggio alla linea a quattro avremmo dovuto adattare i due esterni che, considerate l’assenza di Parodi e la propensione offensiva di Celia, avrebbero potuto soffrire“.

Come migliorare? Dobbiamo prenderci più responsabilità, anche di calciare da fuori perché abbiamo giocatori in grado di farlo. Bisogna osare di più nel cercare con maggior coraggio la giocata risolutiva“.

adv-633

Dopo un esordio incoraggiante, con due vittorie consecutive, l’ “effetto Longo” è andato scemando, con l’Alessandria sempre più in difficoltà nel creare occasioni da gol e lontana dai piani alti della classifica: “Siamo pronti a lottare fino all’ultimo con tutti, finche la matematica ce lo permetterà. Poi abbiamo altri mini-obiettivi come il miglior piazzamento per giocare i play-off da protagonisti” ha dichiarato Moreno Longo, prima di concentrarsi sulla condizione non solo tecnico-tattica della rosa: “In questo primo mese insieme i ragazzi sono stati eccezionali: lavorano duramente durante la settimana e seguono con grande impegno quello che viene loro proposto. Ci sono stati tanti turni infrasettimanali, ma per fortuna ora ci aspetta una settimana completa in cui provare a riprovare sul campo alcune situazioni di gioco

I giocatori sanno che ogni volta ci si gioca la riconferma e quindi ogni partita devono dimostrare di poter far parte di una nuova era in cui si cercherà di costruire un’Alessandria vincente. Bisogna esserne all’altezza, perché è quello che merita una piazza come Alessandria“.