Longo: “Contro il Piacenza una brutta prestazione, il gol preso era evitabilissimo”
adv-541

PIACENZA – L’allenatore dell’Alessandria Moreno Longo non usa mezzi termini per descrivere la partita della sua squadra, uscita sconfitta 1-0 dal “Garilli” di Piacenza: “È stata una brutta prestazione, un passo indietro sotto tutti gli aspetti“.

Contro una formazione impegnata nella lotta per la salvezza, l’Alessandria viene punita da un contropiede partito dagli sviluppi di un corner a favore, senza poi riuscire a trovare il gol del pareggio, complice una sterilità offensiva sempre più preoccupante: “Quella da cui è nato il gol era una ripartenza evitabilissima. Dovevamo lavorare meglio sulle marcature preventive. Il terreno di gioco in cattive condizioni non ci ha aiutato nel palleggio contro una squadra che concedeva pochi spazi. Ma questo non è un alibi: per fare il salto di qualità bisogna sapersi adattare a questo tipo di gare ed essere anche più “sporchi“, ma questo spirito non si è visto” ha dichiarato Longo.

Nel corso dei novanta minuti l’Alessandria ha collezionato una grandissima quantità calci d’angolo e punizioni, senza però trovare il gol. “Dobbiamo lavorare su questo fondamentale. L’incisività su palla inattiva e calci piazzati è un aspetto che dipende molto dalle caratteristiche dei giocatori, anche dal punto di vista mentale. Abbiamo passato moltissimo tempo nella metà campo del Piacenza, ma loro sono arrivati sempre prima di noi“.

Nel corso del secondo tempo mister Longo ha apportato un cambio tattico, avanzando Di Quinzio alle spalle degli attaccanti: “Speravo di ottenere maggior pressione sugli avversari, più intensità sulle seconde palle e lavorare su più linee per liberare altri giocatori, anche perché non avevamo cambi sugli esterni: inserire Mustacchio sarebbe stato un rischio“.

Non volevamo fare questo tipo di gara, ma certe problematiche si risolvono solo con le esperienze, anche negative: lecchiamoci le ferite” ha concluso l’allenatore dell’Alessandria, che giovedì 18 marzo alle 15 sarà chiamata alla difficile sfida interna contro il Renate.