Un Castellazzo da favola: Giovanile Centallo battuta 3 a 1

CASTELLAZZO BORMIDA – Nella quinta giornata del Campionato di Eccellenza, il Castellazzo trova i tre punti in casa battendo 3 a 1 l’ostica Giovanile Centallo. I biancoverdi disputano la miglior prestazione stagionale – condita coi gol di Rosset e Zunino, e la prima rete in Eccellenza di Christian Ventre – e si confermano come mina vagante del campionato. Una ulteriore riprova, per i ragazzi di mister Fabio Nobili, che il Castellazzo è in grado di potersi regalare grandi soddisfazioni, costituendo un’avversaria importante anche per le prime in classifica.

Il primo tempo regala emozioni a non finire, dal momento che è il Centallo a fare la partita nella prima mezz’ora sfruttando l’estro del tridente composto da De Peralta, Garello e Magnino. I biancoverdi, sempre in campo col solito 3-5-2, giocano su rapide ripartenze, rendendosi pericolosi al 6′ con l’incursione di Battista stoppata in extremis da Molardo. Poi, al 30′, De Peralta si sblocca con una conclusione di esterno destro chiururgica, all’angolino basso, su cui Ravetto non può nulla. Ma dopo solo due minuti è Rosset ad esaltarsi: bordata dai 28 metri all’incrocio, Baudena si tuffa ma troppo tardi; il Castellazzo riagguanta il pareggio con la giocata del suo fuoriclasse. Poi, al 36′, Rosset inventa un traversone di sinistro, sul secondo palo: Ventre in allungo colpisce prima di tutti, depositando il pallone in rete. La reazione del Centallo non si fa attendere, perché al 40′ Benabid perde un pallone sanguinoso dal limite; la retroguardia biancoverde, disorganizzata in quel frangente, non può che concedere agli ospiti un calcio di rigore. De Peralta si incarica della battuta, ma Ravetto intuisce tuffandosi a sinistra e neutralizza il penalty. Sono momenti ad alta tensione per il Castellazzo, consapevole di poter rientrare negli spogliatoi con una rete di vantaggio; ma al 44′ Magnino scalcia a palla lontana Benabid in copertura. Per l’arbitro nessun dubbio, rosso diretto e Centallo in 10 uomini per il resto del match.

Nella ripresa il Centallo è chiamato alla difficile impresa di rimontare la rete di svantaggio, sotto di un uomo. Zunino, dopo 3 minuti di gioco, spegne le speranze dei rossoblu, raccogliendo in area un pallone vagante e traffiggendo – con una girata di prima intenzione – l’incolpevole Baudena. Da quel momento il Centallo sembra uscire mentalmente dal match, non riuscendo a imporre più gli stessi ritmi della prima frazione. Il Castellazzo va più volte vicino al poker, con Battista e Ecker, ma il tris legittima la vittoria di una squadra – i bianconeri – capace di dimostrare anche un controllo del match superbo, senza smettere di pressare su ogni pallone e di fatto, annullando nel secondo tempo il pericolo De Peralta. Ottimi anche gli innesti di mister Fabio Nobili (Cimino F., Romano, Viscomi, Labano, Ecker): i giovani rispondono all’appello donando in ogni reparto qualità e sostanza, il giusto mix per amministrare con relativa tranquillità le reti di scarto.

Il Castellazzo, domenica prossima, se la vedrà con il Corneliano Roero, al Comunale di Corneliano d’Alba.

adv-388