Casale, pareggio amaro al Palli. Il Vado segna in 10 e rovina la festa
adv-874

CASALE FBC – VADO 1-1

Reti: pt 42’ Candido (C), st 35’ Lo Bosco (V)

adv-735

Casale Fbc (4-3-3): Dadone; Gilli (29’ st Casella), Gianola, Silvestri, Vicini (12’ st Mbaye); Continella (36’ Brevi), Martin, Rossini; Candido, Ricciardo (33’ st Palermo), Forte (12’ st Giacchino). A disp: Paloschi, Juricic, Guarino, Leveque. All.: Sesia

CASALE MONFERRATO – Festa del “Natal Palli” (compie oggi un secolo di vita) parzialmente rovinata per il Casale Fbc, bloccato sull’1-1 da un Vado che, una volta trovatosi in dieci poco dopo il quarto d’ora della ripresa (espulso Casazza per somma di ammonizioni) ha tirato fuori grinta e determinazione, fino a trovare il gol del pareggio a dieci minuti dalla fine. Nella terza giornata di serie D – girone A – il Casale passa in vantaggio alla fine del primo tempo con Candido (terzo gol stagionale), ma nella seconda frazione i Neri peccano di presunzione, si rivelano incapaci di chiudere la partita, tirando i remi in barca con largo anticipo, permettendo agli avversari di ricompattarsi e di esprimere il gioco migliore una volta trovatisi in inferiorità numerica fino al definitivo 1-1. Un tempo per uno e pareggio dunque giusto, con la squadra di mister Marco Sesia che dovrà fare tesoro di quanto accaduto per imparare a gestire meglio il risultato, evitando così di perdere punti pesanti nel lungo cammino stagionale, se vorrà aspirare a posizioni di vertice.

La cronaca. Giornata del Quadrilatero, come da legge regionale che istituisce da quest’anno il 2 ottobre come giornata speciale di celebrazioni per le quattro squadre piemontesi (Alessandria, Casale, Novara e Pro Vercelli) che hanno fatto la storia del calcio italiano. Inoltre, compleanno speciale per l’impianto sportivo casalese. Lo stadio “Natal Palli” festeggia 100 anni dalla sua inaugurazione, avvenuta il 2 ottobre 1921. Quel giorno, guarda caso, come prima partita ufficiale, si disputò un derby Casale-Alessandria terminato 0-0. In occasione del centenario capitan Martin ha indossato una fascia commemorativa.

Pomeriggio mite e soleggiato, terreno di gioco in buone condizioni. Temperatura 22° C. Spettatori 400 circa (presenti, tra gli altri, il sindaco Federico Riboldi), collocati in tribuna centrale e nelle due attigue gradinate scoperte, sottoposte a restyling con gradoni dipinti di nerostellato a causa della perdurante inagibilità dei Distinti. A causa della chiusura di questo settore dello stadio, per motivi di ordine pubblico rimane vietato l’ingresso alla tifoseria ospite. Gli Ultras nerostellati hanno ripreso ad incitare la squadra con cori, bandiere e striscioni. Casale in campo (per ragioni cromatiche e di ospitalità) con maglia bianca e striscia diagonale nerostellata, con il modulo 4-3-3 e privo dell’infortunato Mullici. Schieramento speculare per il Vado di mister Matteo Solari. Dopo un solo minuto incursione in area di forte che perde l’attimo e conclude debolmente con la difesa ligure pronta a liberare. Primo tentativo per il Vado all’8’ con una conclusione di Lo Bosco alta sulla traversa. Partita molto tattica con i due centrocampo abili nell’imbrigliare le manovre e portieri inoperosi. Il Casale, dopo la mezzora di gioco, accelera alla ricerca del gol. Cross di Forte (33’) assist di petto a centroarea di Ricciardo per Rossini con tiro centrale bloccato da Cirillo. Al 42’ la svolta con il vantaggio dei padroni di casa. Punizione lunga da centrocampo di Martin per Forte, rasoterra in area con tiro di Ricciardo, respinto ma non trattenuto da Cirillo. Si avventa sul pallone Candido che, con un tocco morbido, insacca a porta vuota: 1-0.

adv-43

Nella ripresa, i nerostellati partono bene con una punizione di Martin parata al volo da Cirillo. Le cose sembrano poi mettersi bene al 17’, quando il Vado rimane in dieci contro undici per l’espulsione (somma di ammonizioni) di Casazza. A quel punto comincia un’altra partita. Il Casale non riesce a chiudere l’incontro con il colpo del ko, permettendo al Vado di serrare i ranghi e di riversarsi in avanti con ordine e continuità, seppure con un giocatore in meno. Ci prova al 32’ De Bode con un colpo di testa alto su punizione di Giuffrida. Passano tre minuti ed il Vado pareggia. Azione tutta in verticale. Capra con un pregevole tocco mette in movimento Lo Bosco che resiste al tentativo di recupero della difesa nerostellata e supera Dadone con un preciso sinistro a fil di palo: 1-1. Il Casale prova a scrollarsi di dosso l’apatia ma lo fa una sola volta. Punizione dello specialista Martin (41’) e colpo di testa di Rossini, incredibilmente a lato. Nel lungo recupero (7 minuti) non accade più nulla. Due punti persi per il Casale ed importante primo punto esterno stagionale per il Vado.

I Neri sono ora attesi da due impegni a distanza ravvicinata. Mercoledì 6 ottobre trasferta in Liguria contro la Sanremese, seguirà, domenica 10 ottobre, al “Palli”, l’atteso derby provinciale contro il Derthona. Martin e compagni devono inoltre proseguire (così come prevede il regolamento anche per la Serie D) dal 19’ del primo tempo la partita sospesa sullo 0-0 a Sestri Levante per impraticabilità di campo lo scorso 26 settembre. Si ripartirà con quel risultato nel prosieguo del match in data ancora da destinarsi.