L’annuncio di Di Masi: “Un paio di trattative aperte con possibili acquirenti. Per ora nulla di concreto”

ALESSANDRIA – Un annuncio che ha decisamente colpito quello del presidente dell’Alessandria Calcio Luca Di Masi, pronto a cedere la società dopo 9 anni da patron dei grigi. “Questo è il primo anno che, finendo un campionato, mi sono detto che forse è il momento di ascoltare possibili acquirenti. Ci sono un paio di trattative aperte, per ora nulla di concreto. Ma cerchiamo persone serie, che abbiano degli obiettivi, che possano mandare avanti la società come e meglio di me, se è possibile. Questo è il primo anno che ascolto queste cose, metto davanti la società. Se la cosa migliore sarà poter cedere a persone serie che possano fare meglio di me (dal punto di vista sportivo e societario) è arrivato il momento di poterle ascoltare”

Nessuna precisazione sulla collocazione geografica (nemmeno se si tratta di imprenditori italiani o stranieri) ma, l’eventuale cessione, sarà totale e non parziale. “Sono approcci portati avanti, magari ci vedremo dopo l’iscrizione al campionato del 22 giugno“. Certo è che Di Masi “tutto quello che ho sempre fatto l’ho fatto per il bene della società. Da qui la scelta di sentire possibili acquirenti seri che possano fare il bene della società“. Gli acquirenti, oltre alla serietà, dovranno “avere dei progetti“. Nel caso in cui le trattative non si concretizzassero, il piano b, sarebbe una permanenza dello stesso Di Masi “anche se da tifoso, ad oggi, mi augurerei in una cessione. Comunque si andrà avanti e la squadra verrà iscritta regolarmente al campionato di C“.

Il numero uno dei grigi ha anche spiegato che non cercherà soci “ma un acquirente a cui vendere in toto la società“. Al momento dell’iscrizione al campionato il presidente valuterà “come e cosa fare. Adesso non è né il momento né il tempo di pensarci perché ad ogni modo il mercato inizierà il primo luglio. Ci occuperemo di tutti gli iter propedeutici all’iscrizioni e faremo ciò che dovremo fare. Poi, quando sarà il caso, prenderemo una decisione. Ciò che posso dire è che attualmente penso sia difficile rilanciare come gli anni scorsi e che sicuramente potrebbe essere una cosa diversa rispetto a quanto fatto fino a oggi“.

adv-318

La conferenza completa del presidente Di Masi