Acqui, beffa allo scadere: l’Argentina pareggia con il gol dell’ex

ACQUI – ARGENTINA 1-1 

Marcatori: 58′ Anibri (ACQ); 87′ Rouamadi (ARG).

FORMAZIONI: 

adv-893

ACQUI: Scaffia, Benabid, Giambarresi, Genocchio, Simoncini, Severino, Giordani, Anibri, Lombardi, Piovano, Anania. 

ACQUI TERME – Nel campionato di Serie D l’Acqui strappa un punto importante nel match contro l’Argentina Arma, dopo una prestazione grintosa e cinica. Di Rouamadi, ex giocatore dei termali, la rete degli ospiti, arrivata a pochissimi minuti dal termine. 

Partita molto equilibrata in avvio, l’Acqui mantiene il possesso palla cercando i giusti varchi per attaccare. Le prime occasioni pericolose sono però create dagli ospiti, prima al 24′ con una conclusione insidiosa di Costantini su calcio di punizione, e poi al 27′ con un tiro di Trimarco ben respinto da Scaffia. Al 33′ buono spunto di Lo Bosco che mette in difficoltà la retroguardia dei padroni di casa, il tiro potente termina tuttavia a lato. I primi 45 minuti si chiudono sullo 0 a 0, con l’Acqui capace di serrare bene i ranghi per non concedere troppi spazi agli ospiti, senza dubbio più propositivi in attacco. 

Nella ripresa l’Acqui riparte bene, riuscendo ad innescare meglio le punte che attaccano in maniera più efficace. Al 58′, infatti, i termali si portano in vantaggio con una pregevole rete siglata da Anibri, su cui Manis nulla può. Forte del vantaggio, l’Acqui tenta di non lasciare campo agli ospiti, anche se la reazione non si fa attendere molto. Diciotto conclusioni, di cui sette nello specchio della porta, per l’Argentina: è Lo Bosco il più pericoloso, sfiorando il pareggio al 31′ ed all’37’, con Scaffia che si supera per salvare il risultato. Proprio mentre la partita sembra avviarsi verso la vittoria dei termali, Rouamadi, con un guizzo vincente, firma all’42’ la rete del pareggio, risultato su cui terminano le ostilità. 

L’Acqui non riesce a conquistare i tre punti nonostante il vantaggio difeso fin quasi allo scadere, ma un punto ottenuto è comunque un buon risultato contro un avversario ostico e rinforzato grazie a giocatori come l’ex capitano della Novese Trimarco, Ymeri e lo stesso Rouamadi. Il pareggio consente all’Acqui di mantenere le distanze invariate con la Novese, nella lotta per la salvezza. E nella prossima giornata di campionato, i termali affronteranno una sfida ancora più dura, in casa del Chieri. 

Giacomo Pelizza