Novese: lasciano sette calciatori. Gli altri stringono i denti, insieme al mister
adv-492

NOVI LIGURE – Non una diaspora totale come poteva sembrare solo fino a giovedì sera ma, in casa Novese, la situazione resta complicata. Sette giocatori hanno alzato bandiera bianca e sono tornati a casa, stanchi di una dirigenza assente, della mancanza di rimborsi spesa oltre che di fondi per la sovvenzione di attività di normale routine per una squadra di calcio come l’alloggio, il pasto o la pulizia degli spogliatoi. Balzano, Casale, Savarise, Cardella, Morra, Di Giglia e De Feo hanno deciso di dire basta a tutto questo. Tutti gli altri hanno invece deciso di restare e onorare fino alla fine il campionato, nonostante tutto: dal capitano Rudi al portiere Pisani, oltre a Sassaroli, Lucarelli, Dominici, Palazzi, Zhytarciuck, Fronda, Pagano, Sola e Ravera. A guidare la squadra domenica contro la Caronnese sarà ancora mister Piero Logatto, decisivo nel contenere al minimo le partenze. Fino a giovedì sera, infatti, l’assenza dei calciatori al campo di allenamento aveva fatto temere una uscita di scena generale, col rischio concreto di affrontare la capolista della serie D con un undici formato dai ragazzi delle giovanili.

adv-656

Nel frattempo toccherà a Morris Pagniello provvedere al finanziamento “a fondo perduto” delle prossime trasferte, grazie a una sponsorizzazione della Genova International School of Soccer, di cui l’agente del tecnico Piero Logatto è titolare. L’intenzione di Pagniello e della cordata di imprenditori che rappresenta sarebbe quella di andare avanti fino a fine stagione, a patto di firmare con l’attuale dirigenza una sorta di accordo per la prelazione sulla cessione delle quote societarie al termine della stagione. L’interesse di questi soggetti, però, è vincolato alla permanenza in serie D. In caso di retrocessione la speranza è quella di poter avanzare domanda di ripescaggio. 

Nel frattempo è arrivata un’altra mazzata per le casse societarie: la Commissione accordi economici della Lega Dilettanti ha condannato la Novese al pagamento di circa 7300 euro complessivi, una somma dovuta a due ex calciatori biancocelesti, Orlando e Cantatore, che hanno fatto ricorso. Insomma: piove sul bagnato. 

Francesco Conti