adv-299

Da due giorni ha preso in mano l’Alessandria e ora la piazza mandrogna è curiosa di vedere la sua prima versione dei grigi. Domenica Luca D’Angelo si siederà per la prima volta in panchina al Moccagatta, contro il Santarcangelo. Nel frattempo abbiamo chiesto di lui ad alcuni giornalisti di Rimini, la società per la quale D’Angelo ha lavorato in diversi ruoli: giocatore, direttore tecnico, allenatore allievi nazionali e della prima squadra. “Da tecnico è molto minuzioso, attento ai particolari” ha dichiarato a Radio Gold News Francesco Pancari, firma de La Voce di Romagna “Prepara molto bene la squadra, a cominciare dalla fase difensiva. La scorsa stagione fu difficile da gestire a livello societario ma lui si comportò molto bene. La dimostrazione è arrivata dopo le dimissioni dopo la partita contro l’Alessandria. La squadra lo richiamò, convinta che solo lui era in grado di arrivare alla salvezza, e così fu. Col Rimini ha vissuto anche annate vincenti, con la promozione dalla serie D alla C2 ottenuta al primo tentativo. Il modulo? L’anno scorso ha alternato il 4-3-3 al 3-5-2. Cura molto le palle inattive, nella stagione passata ad esempio il 50% dei gol è arrivato da calcio piazzato. Dal punto di vista caratteriale è una persona leale, schietta, che ai giocatori dice le cose in faccia ma dentro lo spogliatoio. Fuori invece, difende sempre la sua squadra, senza far polemica. Di fronte a una sconfitta si fa scudo davanti a tutti, è il primo a fare autocritica, salvaguardando la squadra.”

“E’ stato una bandiera del Rimini in campo” ha aggiunto Pierluigi Celli di Icaro Tv “Giocava da libero, una vera autorità in campo. L’anno scorso è stato bravo a tenere in pugno la squadra in un momento difficile, ma a mio parere ha stravolto la posizione di alcuni giocatori, non facendoli rendere al massimo. Baldazzi ad esempio veniva impiegato come marcatore esterno, lui che è una punta deputata a far gol. Da ex difensore il suo motto è “primo non prenderle”, la fase difensiva è fondamentale. Faccio una previsione: con D’Angelo allenatore l’Alessandria non prenderà mai più quattro gol come è successo a Bassano domenica scorsa!”

 

adv-728

Foto tratta dal profilo FB dell’Alessandria Calcio