VALENZA – L’associazione commercianti L’Oro dal Po al Monferrato, alla luce dell’aggravarsi della crisi epidemiologica dovuta dal Covid-19 e alle conseguenti pesantissime sull’economia, ha voluto lanciare un grido d’allarme sulla situazione sempre più precaria del commercio locale. “I commercianti sono esasperati, il nostro rimane un atteggiamento composto, rispettoso di quanto verrà stabilito di volta in volta dai vari Dpcm ma sia chiaro che il Governo dovrà attivare al più presto regole urgenti a sostegno del commercio“, spiega l’associazione.

Una situazione che sta colpendo anche la città di Valenza: “Le recenti chiusure in corso Garibaldi e via Lega Lombarda non lasciano intravedere un ricambio nel breve periodo e i rimanenti esercizi, per la maggior parte, sono in forte difficoltà“. Ecco perché i commercianti chiedono “aiuti seri e concreti, c’è preoccupazione sull’arrivo di nuovi provvedimenti che potrebbero fortemente limitare gli incassi delle attività con inevitabili ripercussioni sui redditi di titolari e dipendenti, non è più possibile organizzare manifestazioni per promuovere le attività se non con fortissime limitazioni e si prevede il crollo degli incassi giornalieri, già da ora, per ogni tipo di esercizio. C’è tanta paura e incertezza per quanto potrà accadere nel brevissimo periodo“.

L’associazione dei commercianti chiede quindi che il Governo dia “garanzie, non vogliamo essere abbandonati dallo Stato, ci vogliono regole certe e concrete per poter superare questi mesi, chi governa il nostro paese conosce bene la situazione, oggi si sta riproponendo la stessa pandemia di questa primavera, stavolta i nostri governanti a Roma non potranno essere impreparati“.

adv-42