Alessandria Calcio sempre più in crisi: altre reti regalate e anche l’Ascoli ringrazia

ALESSANDRIA – Nel primo turno infrasettimanale di Serie B l’Alessandria perde 1-3 contro l’Ascoli e dopo cinque giornate rimane a zero punti in classifica. Ancora una volta a pesare sono le gravi amnesie di un reparto difensivo in profonda crisi. 15 gol subiti in cinque partite: troppi per una squadra che vuole provare a salvarsi. Se è vero che infortuni e squalifiche abbiano colpito soprattutto i difensori, è altrettanto palese che in questo avvio di campionato le “seconde linee” non si siano dimostrate all’altezza. Le sostituzioni dopo soli 45’ di Celesia contro il Lecce e del portiere Russo contro l’Ascoli dopo gravi errori, sono chiare bocciature da parte di Moreno Longo, che indirettamente mettono nuovamente in discussione l’operato della società nel mercato estivo.

Quando la palla è lontana dalla retroguardia, l’Alessandria riesce a creare numerose occasioni da gol: anche contro l’Ascoli i Grigi hanno mostrato progressi nella costruzione del gioco e nella pericolosità nell’area avversaria, ma l’handicap dei tanti gol regalati rende ancora più difficile il compito di un reparto che, tolto il grande momento di forma di un Corazza lasciato giustamente a rifiatare nel primo tempo, fatica a trovare il gol di altri protagonisti, anche dal centrocampo: la condizione di Marconi è ancora lontana da quella fatta vedere l’anno scorso a Pisa e questo si riflette anche nelle chiare occasioni da gol fallite contro i marchigiani, mentre Arrighini e Palombi hanno bisogno di trovare continuità.

C’è tanto lavoro per mister Moreno Longo, soprattutto dal punto di vista mentale: i continui erroracci difensivi e le cinque sconfitte consecutive rischiano di diventare un tarlo di insicurezza che potrebbe costare carissimo.