Alessandria, Longo: “Con la Cremonese si è visto un furore agonistico importante”

ALESSANDRIA – Nella quattordicesima giornata di Serie B l’Alessandria supera 1-0 la Cremonese e centra la seconda vittoria consecutiva. A decidere l’incontro è la prima rete stagionale di Mattia Mustacchio, bravo a scartare Valeri e a battere Carnesecchi con una precisa conclusione sotto l’incrocio.

Ai microfoni dell’Ufficio Stampa dell’Alessandria Calcio l’allenatore dei Grigi Moreno Longo ha commentato la vittoria dei suoi uomini e il buon momento che la squadra sta attraversando: ” Quella contro la Cremonese è stata una partita interpretata benissimo sotto tutti gli aspetti. Abbiamo difeso con ordine e attenzione, concedendo poco e creando gioco quando era il momento giusto. Ho visto un furore agonistico importante e a tratti anche ottime trame e qualità. Dobbiamo, però, chiudere prima queste partite: prima dell’assalto finale della Cremonese non abbiamo capitalizzato diverse occasioni per mettere fine alla contesa. Serve più cinismo per evitare brutte sorprese come accaduto contro il Frosinone“.

Tra i protagonisti della vittoria c’è Mattia Mustacchio, autore del gol da tre punti: “E pensare che avevo il dubbio se farlo giocare o no, perché dopo la gara contro la Spal si è allenato male. Gli ho dato fiducia e lui mi ha ripagato con una grande prestazione. Questo è Mustacchio: lo conosco, so quello che può dare alla squadra, gli voglio bene come persona e come giocatore, ma ora deve trovare continuità e allenarsi come piace a me“, ha dichiarato Longo. “Ma contro la Cremonese è stata tutta la squadra ad aver lavorato bene. Arrighini e Corazza hanno fatto una grande partita di sacrificio e abnegazione. In questo momento la fase difensiva funziona bene anche grazie alla pressione dei centrocampisti e degli attaccanti che sporcano le azioni degli avversari sul nascere. Anche Milanese, Chiarello e Casarini hanno giocato un’ottima partita e sono contento per Lunetta: soffriva per quei mugugni arrivati anche alle sue orecchie. Contro Spal e Cremonese ha dato tutto se stesso per cambiare il trend delle partite precedenti“.

Ci sarà poco tempo per godersi questa vittoria. Martedì alle 20.30 si tornerà in campo per il turno infrasettimanale che vedrà i Grigi impegnati in trasferta contro il Pordenone, fanalino di coda del torneo. Ma mister Moreno Longo non vuole cali di attenzione: “Se qualcuno pensa che il Pordenone sarà terreno fertile solo perché è ultimo in classifica è meglio che stia a casa. Anche noi siamo nella parte bassa della classifica, ma nessuno ha mai avuto vita facile anche nelle vittorie. Sarà la classica battaglia, contro una squadra che lotterà ancora di più. Dobbiamo essere bravi a portare avanti l’intensità e la solidità vista contro la Cremonese nei prossimi impegni ravvicinati, anche se non sarà semplice. Soprattutto dobbiamo recuperare qualche infortunato perché in alcuni reparti siamo corti. Negli ultimi incontri abbiamo giocato con nove giocatori su undici reduci dalla Serie C: all’inizio abbiamo pagato lo scotto della nuova categoria, ma ora stiamo crescendo. Dobbiamo, però, crescere ancora, perché sappiamo benissimo che per mantenere questa categoria dobbiamo migliorare, come squadra e come singoli“.