Ovadese ko di rigore: il derby va alla Novese

OVADA – Tanto possesso palla, poco incisiva e zero punti. L’Ovadese esce dal Girardengo di Novi Ligure a mani vuote e molte incognite a cui mister Stefano Raimondi dovrà dare una soluzione. Va detto che per il derby con la Novese, deciso dal rigore realizzato da Tony Russo, l’Ovadese ha dovuto rinunciare a Pellegrino all’ultimo (problema muscolare in fase di riscaldamento). Inoltre la squadra di mister Raimondi ha messo in campo una prestazione a due facce.

Brutta nel primo tempo, nettamente migliore nel secondo, ma poco incisiva. Stefano Raimondi analizza così la partita: “È stata una settimana particolare. Giovedì abbiamo giocato in Coppa e venerdì non abbiamo fatto un grande allenamento. E così, dopo l’infortunio di Pellegrino nel riscaldamento, siamo andati avanti senza cambiare modulo, anche se ci è saltato tutto quello che abbiamo preparato. Penso che abbiamo fatto uno dei peggiori primi tempi da quando sono a Ovada. 50% bravi loro, 50% male noi. Gaione ci ha tenuto a galla in diverse circostanze”.

adv-234

Secondo tempo decisamente diverso per l’Ovadese: “Ho ridisegnato la squadra e siamo andati meglio, anche se abbiamo compromesso un po’ tutto nel primo tempo. Abbiamo preso una traversa su punizione con Rignanese, un’altra grande occasione sempre con lo stesso attaccante e poi nella ripresa abbiamo giocato meglio, con circolazione della palla, arrivavamo ai 16 metri con tranquillità, abbiamo sbagliato qualche soluzione, abbiamo avuto una palla importantissima verso la fine dove potevamo gestirla meglio, abbiamo sbagliato tante piccole cose che, sommate, hanno determinato il risultato finale”. Un’Ovadese dai due volti quindi che dimostra, con questa sconfitta, che la rimonta in classifica, al momento, è ancora piena di incognite. I segnali si sono visti, ma manca la continuità. Domenica al Geirino, gara delicata con il Pozzomaina alle 14.30. Vincere significa allontanare una squadra sotto di tre punti e tornare a galla dalla zona playout.