Ovadese: il derby con l’Arquatese finisce a reti bianche

OVADA – Secondo pareggio consecutivo per l’Ovadese che deve rimandare ancora il ritorno alla vittoria, che manca ormai da tre domeniche. Gara non bellissima, con l’Arquatese ben disposta e l’Ovadese che, soprattutto nella ripresa prova ad alzare il baricentro. Mister Raimondi, ai microfoni di Diretta Sport, su Radio Gold TV commenta così: “Non è stata una partita eccezionale da parte di entrambe le formazioni. Recrimino un paio di occasioni ma soprattutto un gol annullato a Rignanese a inizio gara, per un fuorigioco. L’arbitro a fine gara ha confermato che anche per lui non lo era, ma il guardalinee aveva la posizione migliore. È vero, però, che avevamo davanti ancora un’ora e dieci di partita per fare gol. Abbiamo avuto una palla gol gigante all’85’ di Sassari che ha servito Rignanese. Ha sbagliato questo gol con un tap in due contro uno: non è da lui ma ci sta”.

Il tecnico non cerca alibi neanche sull’influenza che ha colpito in settimana diversi giocatori, complicando la preparazione alla sfida con l’Arquatese: “Non è una scusante perché anche Maurizio Vennarucci aveva molte assenze con questa influenza che gira. Comunque, aldilà delle occasioni, è stata una partita da 0-0”. Mister Raimondi ci tiene a sottolineare, per la soddisfazione soprattutto della Società, la bella prestazione dei giovani: “È entrato Jacopo Cannonero, un ragazzo del 2004 che ha fatto il suo esordio, giocatore che deve crescere, anche se abbiamo dovuto accelerare questo processo. Mezz’ala di inserimento, deve migliorare un po’ le posture e qualche gesto tecnico, ma diventerà un buon giocatore, come Massari che ha fatto una gara eccezionale. Sono molto contento per questi due ragazzini”.

Le notizie positive, comunque, arrivano anche dal reparto difensivo, sempre più sicuro e difficile da superare. L’Ovadese, domenica 27 marzo, vuole tornare alla vittoria affrontando al Geirino il Mirafiori. Inizio ore 15.