Poker di Tiziano Borsa. Il pilota del Biella Motor Team ha fatto sua la 39esima edizione del Rally Coppa d’Oro, la due giorni di corsa in provincia di Alessandria, con partenza e arrivo all’Hotel Diamante di Spinetta Marengo. Borsa si è ripetuto sulle strade del territorio alessandrino dopo le affermazioni nel 1997, 1998 e 2008, questa volta a bordo di una Ford Piesta RRC. Insieme alla navigatrice Carla Berra il vincitore ha staccato di 1 minuto e 54 secondi Ivan Ferrarotti, del Best Racing Team, una “medaglia d’argento” che è anche un po’ alessandrina visto che la Renault New Clio è stata messa a punto dalla GIMA Autosport di Predosa. Terzo Marco Strata, della SCR Motorsport, penalizzato da una foratura. Nella lista dei protagonisti mancati, e sfortunati, c’è anche il “geometra volante”, Italo Ferrara, della Scuderia Monferrato su Peugeot 207 Super 2000, attardato da problemi al motore. Fino a quel momento Ferrara occupava la più 5^ posizione assoluta. Sono finiti fuori strada, invece, Michele Tagliani, vittorioso nella speciale in notturna di sabato sera, a Valenza, e Michele Brega. Sempre a proposito della Scuderia Monferrato Andrea Zucconi è arrivato terzo nella classe A6, su Citroen Saxo, mentre il tedesco Jurgen Hohlemeir (Fiat Punto), navigato da Diego Gherlone, si è ritirato nel corso della ps5 per un problema ad un semiasse. In A5, poi, Marco Perin e Riccardo Costa (Rover Mg 105 Zr) si sono dovuti fermare causa un semiasse danneggiato. In Fa5 il sansalvatorese Daniele Ferrotto (Peugeot 205) coadiuvato alle note da Lorenzo Brovero ha terminato 2° di classe. Al traguardo anche la Lancia Stratos di Piero Gobbi e Roberto Valpreda. 

Foto Magnano