adv-423

VALENCIA – Per appena un minuto e 14 secondi Valeria Straneo ha mancato il pass per le prossime Olimpiadi di Tokyo 2020. A Valencia, comunque, la campionessa alessandrina di maratona ha dimostrato di avere superato tutte le incognite fisiche del recente passato e di avere tutte le carte in regola per riprovarci e centrare, a 43 anni, la sua terza partecipazione ai Giochi a cinque cerchi.

Rispetto alla prova dello scorso anno, sempre nella città iberica, Valeria ha tagliato il traguardo 18 secondi dopo, 2 ore, 30 minuti e 44 secondi. Alla fine la portacolori del Laguna Running ha centrato il 16^ posto finale. 

La vicecampionessa mondiale del 2013 è infatti transitata alla “mezza” in 1h13:45 e poi ha avuto una flessione negli ultimi dieci chilometri.

adv-664

“Tutto sommato è un risultato discreto” ha detto Valeria Straneo “anche se per ora non ho raggiunto il mio obiettivo del minimo olimpico, difficile ma non impossibile. Non ho avuto problemi fisici, solo un calo di energia nel finale e dolori muscolari dovuti allo sforzo. Evidentemente c’è ancora da lavorare e ci voglio riprovare in primavera. Dopo un po’ di riposo, punto a riprendere la preparazione sperando di avere continuità negli allenamenti”. “Ho avuto un paio di imprevisti perché il “pacer” che ci avrebbe dovuto portare alla mezza in 1h14:45 è stato in realtà un minuto più veloce. Mi ero accorta che i crono erano un po’ diversi dal previsto, forse anch’io avrei dovuto fare più attenzione. E poi ho preso solo tre degli otto rifornimenti personali, che credo siano finiti a terra prima del mio passaggio. Ma non voglio trovare scuse, stavo bene. Al 28° chilometro ho cominciato a sentire le gambe fuori giri e al 30° mi sono staccata dal gruppo. Da quel momento ho fatto davvero fatica: i parziali sono saliti da 3:30 ogni mille metri a 3:40, alcuni anche 3:45. Per un attimo ho anche temuto di dovermi ritirare, ma sono riuscita ad andare avanti. Mi dispiace non aver ripagato il mio allenatore Stefano Baldini, che mi sta seguendo bene, anche oggi durante la gara. Non butto via questa esperienza, sono un po’ delusa ma anche felice di aver tagliato quel traguardo, era da un anno che mi mancava”.

Foto tratta dalla pagina Facebook di Valeria Straneo

adv-580