adv-912

ASTI – Sconfitta interna per 17-24 in casa Monferrato Rugby contro il Lecco, nell’ultima giornata di campionato. I leoni hanno comunque dato vita a una buona partita, cercando di impostare il proprio gioco, veloce, ma il campo e l’avversario non lo consentono. Eppure al 2 ‘ è il Monferrato ad andare in vantaggio con una delle sue azioni magistrali:  punto d’incontro, palla veloce fuori per i tre quarti e En Naour che segna, meta poi trasformata da Domenighini: 7-0.  Al’ 5 accorcia le distante il Lecco con un calcio, 7-3, poi è solo guerra su ogni pallone, intensità limitata dal campi pesante, molte mischie, ma partita estremenete corretta.

Il primo tempo termina sul 7-3 per il ragazzi di Mistrer Diego Baldovino. Passiamo alla ripresa:  al 6’giallo ad En Naour, per dieciminuti fuori, ma il Monferrato è bravo a tenere, anzi nonostante l’ inferiorità numerica va ancora in meta con Amarildo, entrato nel secondo tempo, incontenibile. Trasformazione del checcino Domenighini, 14-3. Per il Monferrato sembra tutto facile, ma è il Lecco a lavorare sodo, a difendere con intensità e ad approfittare di alcuni errori dei monferrini: al 20’ accorcia andando in meta, trasformata, 14-10.  Ancora lotta, e ultimi due minuti gestiti con maggiore esperienza da Lecco: metà al 39, bravi a sfruttare un errore-fallo difensivo del Monferrato, che li avvicina alla linea di meta; maul, pick an go, tengono stretto il Monferrato, per poi colpirlo al largo. Meta trasformata (14-17) e vantaggio. Manca un minuto, il Monferrato tenta il tutto per tutto, ma un calcetto errato, consente a Lecco di andare di nuovo in meta e trasformare: 14-24. Il Monferrato ha le gambe tagliate, ma l’arbitro fa ancora giocare:  va in attacco, e al 40’ ha a disposizione ancora un calcio, che Domeneghini trasforma, per il finale 17-24, che consente comunque di incamerare un punto di bonus.

“Onestamente ci aspettavamo un altro risultato, perché l’umore e la fiducia erano alti. Bravo il Lecco a impostare e mantenere il proprio gioco, bravo il Monferrato a non mollare mai. Questa sconfitta non cancella quello che abbiamo creato in questi mesi: il buon gioco c’è, dobbiamo crescere nell’adattarlo alla situazione.. Teniamo dentro la delusione di oggi per ripartire più forti che mai” il commento di coach Baldovino.