40 anni di Kung Fu per il Maestro Gianluca D’Agostino: gli inizi, gli stage in Oriente, le tante vittorie
adv-144

ALESSANDRIA – Quello che è appena iniziato è un anno importante per l’Accademia Wushu Sanda Alessandria e per il suo Direttore Tecnico Maestro Gianluca D’Agostino. Proprio oggi, 14 gennaio 2022, D’Agostino ha infatti tagliato il traguardo dei 40 anni di pratica nel Wushu Kung Fu e per la stessa Accademia che il 7 settembre compirà il primo lustro in cui ha ottenuto grandi risultati sia a livello sportivo, che didattico e promozionale ed è pronta per il nuovo anno Accademico e per le competizioni sportive federali.

Tra i tanti appuntamenti previsti spiccano quelli del 12 e 13 Marzo al Palacima di Alessandria per la Coppa Italia di Kung Fu Tradizionale e del 4° Trofeo Nazionale Città di Alessandria, ad aprile a Trani per campionati Italiani di Sanda e Coppa Italia di Wushu Moderno, ad ottobre a Zola Predosa per la Coppa Italia di Sanda e a dicembre a Catania ai Campionati Italiani di Wushu Tradizionale e Moderno, con la ripresa molto probabilmente anche delle competizioni a livello internazionale.

Nel frattempo, lo scorso martedì nella sede di via Colombo 8 l’attività è ripresa dopo la pausa natalizia con tutti i corsi di Wushu Moderno, Kung Fu Tradizionale, Sanda, Tai Ji Quan e Karate per bambini, ragazzi e adulti dal lunedì al sabato.

“Ricordo ancora come fosse oggi il 14 gennaio 1982, giorno in cui mio padre mi portò all’Accademia Kodokan di via Plana per iscrivermi al corso di Kung Fu che nella fine degli anni 70 in quegli anni era entrato alla ribalta anche in Italia grazie al grande e leggendario Bruce Lee che grazie ai suoi insegnamenti e ai film aveva fatto conoscere e apprezzare l’Arte Marziale Cinese in tutto il mondo”. 

Ad Alessandria, grazie al Maestro Gianni Notti, fondatore dell’Accademia Kodokan, all’epoca già conosciuta ed apprezzata per i corsi di Karate, Judo e Aikido e Kendo, dal 1981 finalmente si poteva praticare anche il Kung Fu, quello autentico Cinese, sotto la direzione tecnica di un giovane e bravo Maestro di Hong Kong, esperto negli stili dello Shaolin del Sud e nel Sanda, il combattimento sportivo del Kung Fu, in quegli anni disciplina di combattimento ancora poco conosciuto in Italia.

“E’ stato con il mio primo Maestro, Fung Yip Ko, che ho iniziato a praticare e appassionarmi nel Kung Fu ricevendo quelle basi solide sia dal punto di vista fisico che mentale, gli allenamenti erano molto faticosi, e prima di combattere passavano molti mesi per acquisire tutte le capacità nello sferrare calci, pugni, proiettare e immobilizzare il proprio avversario, oppure per eseguire le forme più difficili a mani nude e con armi (bastone, lancia, sciabola). Ricordo che all’epoca il Kung Fu e le Arti Marziali in generale venivano insegnate in maniera più “dura e vera”, il Maestro era molto rigido sia nell’insegnamento che nelle regole. Se arrivavi tardi non salivi sul tatami. Eravamo tantissimi allievi, 60 se ricordo bene, da 13 anni in su. La mia più grande soddisfazione è essere diventato cintura nera e istruttore dopo 5 anni di “duro lavoro”, questo è il significato del Kung Fu. Sempre all’Accademia Kodokan ho iniziato ad insegnare a centinaia di bambini, ragazzi e adulti, continuando pero ad allenarmi quotidianamente, formandomi nei vari corsi di aggiornamento Tecnico, gareggiando, superando i vari esami di grado (Duan). Nel 1986 è stata una grande fortuna incontrare un secondo Maestro, Liu Nian Lu di Taipei (Taiwan) che era da poco arrivato ad Alessandria per gestire un ristorante cinese, il primo in città. L’incontro fu casuale, durante un allenamento, mi ero procurato un grave strappo muscolare al quadricipite femorale della gamba destra ed ero disperato sia dal dolore che dal fatto che dovevo interrompere l’attività sportiva per almeno 6 mesi, così mi avevano riferito i medici. In città girava la voce che c’era un ristoratore cinese esperto di agopuntura, mi rivolse a lui che mi praticò questo metodo di medicina cinese, all’epoca non ancora tanto conosciuta in Italia, e dopo due settimane iniziavo ad aver i primi risultati di guarigione, dopo due mesi ero già pronto per riprendere gli allenamenti e per di più sotto la sua guida di Maestro che mi consentì di approfondire e migliorare tutte le tecniche di combattimento del Kung Fu, anche quelle più segrete che ogni Maestro custodisce e dona ai suoi migliori allievi, arrivando addirittura a volare nel giugno del 1988 a Taipei (Taiwan) con lo stesso Maestro per allenarmi nella patria del Kung Fu”.

In quegli anni il Kung Fu, per essere precisi il Wushu, Arte Marziale Cinese, iniziava ad organizzarsi sia a livello Nazionale che Internazionale come le altre Arti Marziali Giapponesi il Judo e il Karate, con la fondazione della federazione Internazionale di Wushu Kung FU, e in Italia nel 1989 all’interno delle Federazione di Karate e Taekwondo la FITAK fu inserito il Comitato Wushu Kung Fu, che finalmente valorizzò e diede la giusta visibilità al Kung Fu organizzando le prime competizioni a livello Nazionale, i primi aggiornamenti e stage di apprendimento delle forme codificate da gara e di combattimento sportivo Sanshou già conosciuto come Sanda diretti dai migliori Maestri arrivati della Cina per divulgare la loro Arte marziale. Nel 1998 finalmente anche il Kung FU ebbe la sua federazione con la nascita della FIWUK riconosciuta dal Coni.

Il Maestro D’Agostino nel 1991 si diploma Maestro 3° Duan e segue in tutta Italia i numerosi corsi di aggiornamento federale per gli Insegnanti Tecnici sia nelle disciplina del combattimento che in quella delle forme tradizionali stile Hung Gar che moderne Nan Quan, boxe del sud, oltre a partecipare con i suoi allievi ai campionati regionali, italiani e Coppa Italia, formando numerosi campioni nazionali e internazionali, cinture nere ed istruttori, insegnando e divulgando il Kung Fu non solo in Alessandria ma anche in provincia, Ovada, Borgoratto, Castelletto Monferrato.

D’Agostino ha poi partecipato a continui e frequenti stage, corsi e competizioni in tutta Italia, anche a livello internazionale, Taipei e Khaoshung (Taiwan), Hong Kong e Shanghai (Cina), Seul e Mokpo (Corea del Sud) Bahaamas ( Stati Uniti d’America), Mosca (Russia), Tbilisi (Georgia), Parigi e Marsiglia (Francia), Lugano (Svizzera), Budapest (Ungheria), Venlo (Olanda), Atene (Grecia), Rabat (Marocco). Insieme ai suoi allievi il Maestro ha portato i colori dell’Italia e di Alessandria in tutto il mondo.

Dal 2004 al 2013 il Maestro D’Agostino ha anche partecipato ai Campionati Europei IKFF di Budapest (2004) e Lugano (2008) e alla Coppa del Mondo IMAF e IKFF di Milano (2005) Taiwan (2007) Seoul (2009) e Budapest (2013), dell’8° Wushu Festival China Wushu Association di Hong Kong (2010) organizzato dalla Federazione Internazionale CWA, del Campionato del mondo ICMAC di Nassau-Bahamas (2010), aggiudicandosi 3 medaglie d’oro, 1 argento e 3 bronzi nelle forme tradizionali a mani nude e con armi, nonché 1 medaglia d’argento (Seul 2009) e 1 di bronzo nel combattimento cat. +90 KG (Bahamas 2010).

Nel mese di gennaio 2005 ha ricevuto dalla sede provinciale Azzurri d’Italia la qualifica di Atleta Azzurro di Kung fu. Il 13 ottobre 2013 a Budapest ha ricevuto direttamente dal Gran Maestro Che Cheng Chang, Monaco della 30^ generazione di Shaolin, il diploma del grado internazionale di 6° Duan, nonché il certificato con la medaglia d’oro per la carriera marziale e per aver partecipato sempre con successo a ben 4 edizioni della Coppa del Mondo IMAF (Milano 2005, Taiwan 2007, Corea del Sud 2009 e Budapest 2013).

Il 7 settembre 2017, poi, D’Agostino corona il suo sogno e fonda insieme alla moglie Liboria Tallarita e alle figlie Alessia e Sonia, istruttrici e pluricampionesse italiane ed Internazionali, e ai suoi Allievi e Istruttori Stefano Gallinaro e Fabio Venditti, l’Accademia Wushu Sanda Alessandria, la prima scuola in Alessandria specializzata esclusivamente all’insegnamento del Wushu Kung Fu in tutte le sue discipline.

Tra i recenti ed eccellenti risultati, oltre ai numerosi titoli e medaglie organizzate dalle Federazione FIWUK vinti dai suoi Allievi ai Campionati Italiani e in Coppa Italia, a livello internazionale ci sono le partecipazione nel maggio 2017 a Tbilisi in Georgia al Campionato Europeo di Kung Fu Tradizionale con la medaglia di argento per Sonia D’Agostino nei juniores 60 Kg e bronzo per Matteo Testardini nei seniores 60 Kg nella specialità del combattimento Sanda light e nell’occasione il Maestro D’Agostino svolge la figura di Coach della Squadra nazionale, a dicembre nel 2017 ad Atene sempre Sonia medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo nel Sanda a contatto pieno cat. 60 Kg, nel maggio 2018 a Mosca ai campionati europei un’altra medaglia d’argento ai Campionati Europei di Sanda con un’altra allieva Mariana Bellavia nei juniores 50 KG, nel giugno 2019 ben cinque medaglie a Marsiglia ai Giochi del Mediterraneo, Alessia D’Agostino Oro nelle forme a mani nude e argento nelle armi corte categoria senior, Sonia medaglia di Bronzo nel Sanda senior 60 Kg senior, Marie Lys Foco due medaglie di argento nelle forme tradizionali mani nude e con armi categoria juniores. Nel mese di ottobre 2019 Sonia è l’unica atleta femmina convocata nella Squadra nazionale di Kung FU che partecipare al Campionato del Mondo a Shanghai, dove per poco sfiora il podio è ottiene un ottimo 5° posto nel Sanda cat. 65 Kg senior che gli vale la medaglia di Bronzo al valore atletico insignita dal Coni. Attualmente il Maestro D’Agostino è diplomato 6° Duan presso la Federazione Italiana Wushu Kung Fu dove ricopre la carica di Delegato Regionale per il Piemonte, arbitro nazionale federale e nel mese di dicembre scorso è stato insignito dalla Federazione del Duan di Bronzo al merito Tecnico.