GARBAGNA – Il festival “Il Borgo delle Storie”  è diventato un appuntamento atteso e la sua terza edizione lo conferma più ricco, distribuito su più giorni e anche in altri luoghi, in un percorso forte del successo dei precedenti anni e della direzione artistica di Emanuele Arrigazzi e Allegra de Mandato.

Il tema che collega la programmazione, che vede un’anteprima sabato 14 luglio e poi si svolgerà dal 19 al 22 luglio, è “Lo sguardo” e si si ispira ad una citazione del regista Romeo Castellucci : “Guardare non è più un atto innocente”.  “Perché  lo sguardo ci porta a giudicare ed essere giudicati, ad accorgerci della bellezza o ad ignorarla, a fermarci alla prima impressione o andare oltre”, spiegano Arrigazzi e de Mandato, “sguardi che riguardano l’intimo, il collettivo, il voltarsi dall’altra parte, il partecipare. Noi vogliamo più di tutto partecipazione, cercheremo storie che raccontino uno sguardo inedito e assolutamente personale sul mondo che ci circonda, sguardi che ci mostrino cose che abbiamo sempre guardato da un’altra prospettiva e che ci raccontino come quasi mai la realtà sia solo quella che si vede”. Proprio nell’ottica della ricerca di un punto di vista altro, anche nuovi paesaggi rientrano nelle ambientazioni de “Il Borgo delle Storie”: Avolasca e l’Osservatorio astronomico naturalistico di Casasco.

Ad Avolasca il 14 luglio alle 21.30 ci sarà un’anteprima del festival con lo spettacolo “Quinto comandamento: non uccidere” di Allegra de Mandato con Fabio Martinello e la regia di Emanuele Arrigazzi, un viaggio nell’umano e nel disumano della guerra, mentre giovedì 19, alle 22, ci sarà una serata nella magia dell’Osservatorio astronomico naturalistico di Casasco.

Garbagna, uno dei borghi più belli d’Italia, aperto per vocazione alla cultura, rimane il luogo-cuore del festival, “un luogo dell’altrove, dove venire ad ascoltare, a guardare, a farsi stupire e a partecipare, con l’idea che noi possiamo cambiare il mondo se cambiamo il modo in cui lo guardiamo, se spostiamo l’attenzione, se ci distraiamo e mettiamo a fuoco un dettaglio diverso da quello principale”.

Il programma di Garbagna partirà giovedì 19 alle 17.30 con la presentazione del libro “Gea re di denari” di Riccardo Lera ed Emanuele Parodi condotta da Roberto Botta per la rassegna “Sguardo sul territorio” e continuerà al tramonto, alle ore 19 con lo spettacolo “Soldato mulo va alla guerra “ della compagnia del Teatro degli Acerbi con Massimo Barbero, con la drammaturgia e la regia di Patrizia Camatel. Alle 22 si proseguirà  all’Osservatorio astronomico naturalistico di Casasco con prima lo spettacolo teatrale “Una vita non basta” di e con Raimondo Brandi e, a seguire, l’osservazione guida del cielo estivo a cura dell’associazione astronomia e ambiente.

Il festival continuerà venerdì 20 luglio dalle 17 con “Sotto la scure silenziosa” letture dal De rerum natura di Lucrezio con Paolo Musio, e ancora alle 17.30 “94 passi in giardino” un monologo di e con Lorenza Zambon della Casa degli alfieri. Alle 18.30 “Può una bicicletta volare?” con Emanuele Arrigazzi e Fabio Martinello, che sarà seguito dalla presentazione del libro “Giovanni Cuniolo Manina” con Giovanni Cuniolo, Claudio Gregori e Armando Bergaglio, chiuderà la giornata alle 22 lo spettacolo “Garbatella” di teatro e musica dedicato a Pier Paolo Pasolini di e con la compagnia Matuta Teatro con Julia Borretti e Titta Ceccano e le musiche dal vivo di Roberto Caetani.

Sabato 21 luglio la giornata si aprirà alle 17 con la rassegna “Sguardo sul territorio” e la presentazione dei libri di Ivana Melloni e Mario Franchini condotta da Francesco Masini,  proseguirà alle 17.30 con non spettacolo per bambini “Piccolo principe” della compagnia Matuta Teatro e alle 19 con il monologo-performance di Allegra de Mandato con Emanuele Arrigazzi “Tempi Maturi”. Alle 22 lo spettacolo “Montagne russe” di Eric Assous della compagnia Eccentrici Dadarò con Rossella Rapisarda e Antonio Rosti e la regia di Fabrizio Visconti.

Domenica 22 luglio si comincerà  alle 17 con i burattini di Paolo Sette nello spettacolo “La Luna Nuova”, per proseguire alle 17.30 con il monologo “Ofelia non deve morire” di Luciano Nattino con Patrizia Camatel, cui seguirà alle 18.30 lo spettacolo itinerante “Inferno” con la compagnia amatoriale Quelli degli Ippocastani. Il festival si concluderà alle 22 con il monologo di e con Marco Albino Ferrari “La via incantata.”

Il Borgo delle Storie è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona

Per Info: Comune di Garbagna tel. 0131 877645  www.tourismgarbagna.it