L’arte mediatica in Ucraina tra parole e immagini
adv-340

Con l’aumentare delle innovazione tecnologico-comunicative negli ultimi anni l’arte dei media digitale ricopre un ruolo sempre più importante all’interno della società moderna. Da oltre vent’anni la Media Art è al centro dell’attenzione delle principali istituzioni dell’arte, della ricerca e della scienza, tanto da condizionare o modificare i tradizionali modelli artistici, politici e commerciali. Ma l’arte mediatica non si limita a questo e riesce addirittura a trasformare il modo di pensare e, di conseguenza, la logica alla base del pensiero globale. Proprio su queste tematiche, la professoressa Ianina Prudenko, assistente universitaria della facoltà di pedagogia dell’Università di Kiev, terrà una conferenza intitolata “La storia dell’arte mediatica in Ucraina in parole e immagini”. Al dibattito, l’insigne relatrice affronterà un argomento di particolare attualità, in considerazione dell’importanza rivestita dall’uso delle nuove tecnologie, che si presentano con modalità di utilizzo spesso molto diverse tra loro. Grazie ai suoi studi ed approfondimenti, la Prudenko offrirà al pubblico un vero e proprio momento di riflessione sui nuovi strumenti della comunicazione telematica e sui suoi effetti sulla cultura e sulla società. Durante l’incontro la dottoressa Prudenko presenterà una breve introduzione alla storia della Media Art ucraina, concentrandosi in particolare sui suoi personaggi principali, dato che tale arte in Ucraina risale alla fine del 1980. Appuntamento questo sabato alle 18, alla Sala Conferenze di Palazzo Robellini di Acqui Terme.