Sant’Eligio, non solo premi agli orafi
adv-978

Ogni mestiere ha il suo santo protettore, i Vigili del fuoco Santa Barbara, i maestri San Borromeo e gli orafi hanno come patrono, Sant’Eligio. Così questo fine settimana, a Valenza, sarà proprio Sant’Eligio ad essere festeggiato con tutti gli onori della confraternita San Bernardino, la più antica della città orafa. Le celebrazioni inizieranno questa sera alle 21, con il concerto del coro di Gaia Musica, diretto dal maestro Renato Contino. Domenica invece, giornata clou dei festeggiamenti, che vedrà, dopo la messa solenne nella chiesa San Bernardino, l’esibizione del coro polifonico Santa Maria Maggiore, diretto da Sergio Debandi. A seguito del concerto, verranno consegnati i consueti premi di Sant’Eligio agli orafi che si sono distinti per il loro operato nel mondo. Quest’anno tra i premiati, non solo le due ditte, Ferraris Srl e l’Azienda Bottecchi, ma anche il violinista Roberto Ranfaldi riceverà una menzione d’onore. Infine, le targhe saranno consegnate alla ditta G Valenza 3 e alla Bmc di Carlo Masavelli e Maurizio Bozza.