“Padroni delle nostre vite”, storia vera di un imprenditore nella lotta contro la ‘ndrangheta

VALENZA – In occasione della Giornata mondiale della Memoria, martedì 27 gennaio (ore 21), al Teatro Sociale di Valenza va in scena Padroni delle nostre vite, un testo della compagnia SciaraProgetti che indaga i meccanismi di intimidazione applicati dalle associazioni mafiose e dal potere criminale, in genere.
Un attore in scena, Ture Magro, tre maxi schermi a delimitarne lo spazio scenico e un’interazione continua tra realtà e finzione. Un ricerca che funziona, tra cinema e teatro con una forza recitativa coinvolgente che rende la visione fluida e di grande impatto emotivo. Partendo da una storia vera, quella di Pino Masciari, imprenditore calabrese che ha combattuto la ‘ndrangheta puntando il dito contro mafiosi e politici, lo spettacolo è un atto di denuncia contro il potere criminale. Il racconto vibrante e intenso della lotta di un uomo per l’affermazione dei propri diritti: di lavoratore, di padre, di uomo.
Lina Wertmüller ha definito Padroni delle nostre vite “uno spettacolo eccellente, da far girare ovunque”.
Una realtà, quella raccontata dallo spettacolo Padroni delle nostre vite, che accomuna molti imprenditori italiani, una fotografia chiara del fenomeno mafioso ‘ndranghetista fino a pochi anni fa quasi sconosciuto ma che ha raggiunto livelli di potere straripanti. Lo spettacolo ci racconta di un’Italia che molte volte ha combattuto male le sue battaglie contro la mafia non riuscendo a dar fronte alle esigenze reali dei suoi cittadini costretti a lottare pur di ottenere i propri diritti e tracciando questo percorso ci mostra un paese diverso e coraggioso, abitato da cittadini e da giovani che hanno voglia di alzare la testa e dire basta.
SciaraProgetti , compagnia di autoproduzione artistica, è stata fondata nel 2009 dall’attore Ture Magro e dalla psicologa Emilia Mangano con l’obiettivo di unire teatro, didattica e partecipazione sociale. Dal 2009 ad oggi SciaraProgetti in un sistema di totale autoproduzione ha visitato centinaia di scuole incontrando oltre 50.000 studenti di tutta Italia e in Sud America, portando nelle aule magne e negli spazi adibiti a teatro, spettacoli di critica e riflessione sociale, aprendo in ogni luogo dibattiti e cercando dialogo.

Biglietti: intero 15€, ridotto 10€
Per i soci dell’associazione Libera e di Equazione, biglietti a 5€
I biglietti si possono acquistare al botteghino del teatro martedì dalle ore 16 alle 19 e dalle 20.15 a inizio spettacolo.

Informazioni ai numeri 0131.942276 – 324.0838829

adv-846