Il 27 e 28 novembre la Festa del Tartufo Bianco a Casale Monferrato
adv-110

CASALE MONFERRATO – Sabato 27 e domenica 28 novembre a Casale prima Festa del Tartufo Bianco del Castello del Monferrato.

Le due giornate prenderanno ufficialmente il via sabato 27 novembre alle 10. Fino alle 19 nella splendida cornice della fortezza della città monferrina troverete stand gastronomici, artigianali e di produttori vitivinicoli. Sempre sabato all’Enoteca Regionale del Monferrato la degustazione di vini e distillati sarà invece aperta fino a mezzanotte. Sarà possibile acquistare calice e sacca porta bicchiere al costo di 2euro. Ogni degustazione costa 3 euro.

Sempre sabato dalle 12 alle 19 sarà anche possibile assaporare sfiziose ricette da passeggio, che prevedono battuta con spuma di robiola e nocciole, fonduta al raschera, cardi e croccante ai topinambour e agnolotti al tartufo.

adv-449

Il pomeriggio di sabato si aprirà, alle 15, con la conferenza nell’ex cappella del Castello di Casale “Nuove sfide della filiera del tartufo: cambiamento climatico e mercato informale – La struttura della filiera del tartufo nazionale: dalla produzione alla commercializzazione del tartufo fresco e trasformato”.

Alle 17,30 nella multisala Cinelandia (Piazza d’Armi, 1) sarà proiettato il film documentario The Truffle Hunters di Michael Dweck e Gregory Kershaw, ambientato nei boschi piemontesi, racconta la storia dei trifulau, i cercatori di tartufo, e dei tabui, gli instancabili e indispensabili cani che permettono di portare sulle tavole di tutto il mondo il pregiato tartufo bianco. La proiezione sarà ripetuta, alla stessa ora, anche domenica 28. Ingresso a pagamento.

Dalle 18 alle 24  l’Enoteca Regionale del Monferrato proporrà un aperitivo con Dj Set, mentre nelle Sale del secondo piano, dalle 19, la chef Patrizia Grossi (Ristorante La Torre) proporrà un menù a base di tartufo bianco da 120,00 euro (60 euro senza grattata di tartufo), accompagnato da una degustazione guidata di tre calici a cura dell’Ais – Associazione Italiana Sommelier del Monferrato Unesco di Casale. Prenotazioni allo Iat: 0142 444330.

Domenica 28 si aprirà, alle ore 9,30, con la conferenza Tartufo bianco d’Alba: prodotto del territorio o prodotto commerciale? Marketing territoriale e strumenti di stimolo alla produzione del tartufo bianco pregiato, mentre gli stand con le eccellenze del territorio saranno aperti dalle ore 10,00 alle ore 19,00.

Anche durante la giornata di domenica si susseguiranno la degustazione e l’aperitivo con Dj Set all’Enoteca Regionale del Monferrato e le ricette da passeggio, mentre per pranzo, alla proposta della chef Patrizia Grossi, si affiancherà anche quella dello chef Nicolò Guaschino (Radice – Osteria contemporanea) al costo di 200,00 euro, accompagnata da una degustazione di vini riserva dei più importanti produttori locali. Anche per i due pranzi, prenotazioni allo Iat (0142 444330).

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 17,30, nell’ex cappella sarà proiettata la video testimonianza il Carlón, alla scoperta di Carlo Angelini, il vero tartufaio di Ozzano Monferrato. L’iniziativa, a cura dei Granai della Memoria, permetterà di conoscere il personaggio Carlón e, soprattutto, scoprire le regole del mondo dei tartufi, l’etica del vero tartufaio, di come ci si dovrebbe comportare e di quando i contadini vendevano i tartufi per potersi permettere di comprare le acciughe per la bagna cauda.

Le sale del Castello ospiteranno, sabato e domenica dalle ore 10,00 alle ore 19,00, anche due mostreMonfrà e Monfrìn, disegni e tempere di Mario Pavese, artista di Monferrato, sarà in Manica Lunga e Mosaico – voci e colori del Ravasenga, la grande collettiva d’arte di fine anno dei soci del Circolo, allestita nelle Salette del secondo piano.
Si ricorda che sarà obbligatorio esibire la Certificazione verde Covid 19 (Green pass) in forma cartacea o su smartphone.

Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina www.festadelvinodelmonferrato.it/festa-del-tartufo-bianco/.