Il 29 novembre “La Valenza di Pier Paolo Prandi”

VALENZA – Lunedì 29 novembre, alle 15, nella sala conferenze del Centro Comunale di Cultura di Valenza si terrà l’incontro “La Valenza di Pier Paolo Prandi“, un omaggio all’opera del maestro valenzano attraverso un‘analisi puntuale di alcuni suoi dipinti.

adv-232

Durante l’incontro, a cura di Carlo Dabene, Alberto Lenti e Piergiorgio Manfredi e organizzato in collaborazione con la sede UNITRE Valenza, saranno rintracciati nell’opera di Prandi i luoghi e i personaggi della storia di Valenza. Dall’opera monumentale “Sei ceri un asino e un bue”, che traccia la storia della città dalle sue origini contadine alla nuova dimensione di “Città dell’oro”, alle immagini del fiume Po, della Colombina e delle mura storiche. Non mancheranno i riferimenti al Patrono San Giacomo e a Musolino.

Pier Paolo Prandi sarà raccontato anche come uomo da Piergiorgio Manfredi, ex Assessore alla Cultura di Valenza che ha avuto numerose occasioni di incontro con il maestro e con lui ha collaborato in tanti appuntamenti artistici cittadini.

Il racconto sarà accompagnato dalla proiezione, in anteprima, di alcune delle opere che saranno pubblicate sul catalogo e che troveranno spazio nella mostra retrospettiva Pier Paolo Prandi: 1945-2021 che nella primavera del 2022 verrà allestita a Palazzo Valentino – Centro Comunale di Cultura e che si avvarrà del contributo della Regione Piemonte.

Sarà questo il primo di una serie di appuntamenti dedicati alla memoria del pittore.

Gli allievi del Liceo Artistico Carlo Carrà decoreranno una panchina del centro storico cittadino con immagini tratte dai quadri di Prandi. La panchina scelta per questo intervento non è casuale. Infatti a essere interamente ornata sarà una delle tre panchine di via Cavour dove Pier Paolo Prandi era solito sostare per alcune chiacchiere in amicizia.

Il 9 di dicembre sarà la volta della seconda conferenza, a cura della Prof.ssa Aurora Treccarichi, dedicata all’analisi dell’opera di Prandi nell’ambito della pittura naïf. L’incontro è organizzato in collaborazione con la sede UNITRE di Valenza.

Sempre a dicembre sarà presentato il calendario Pier Paolo Prandi 2022. I dodici mesi del 2022 saranno raccontati dalle opere del maestro valenzano attraverso immagini sognanti e dal sapore magico. Il ricavato dalla vendita dei calendari sarà interamente devoluto alla RSA “L’Uspidalì”.

Infine l’appuntamento al quale il Centro Comunale di Cultura lavora dalla scorsa primavera. La pubblicazione di un catalogo che renda omaggio all’intera opera del maestro. Dalle prime tele naïf, alle opere degli anni ’90 legate ad atmosfere sognanti e magiche, fino agli ultimi lavori eseguiti dopo il 2000. Il volume comprenderà anche il saggio critico del Prof. Renzo Margonari, esperto di pittura del fantastico, che delineerà l’intera parabola artistica del pittore valenzano.