“Canelli al Balbo ed en plein air”. Il teatro in estate a Canelli

CANELLI – E’ ufficiale la stagione estiva del Teatro Balbo, calibrata sia sulla sala teatrale di ben 400 posti, sia all’aperto nei nuovi spazi della cascina La Moncalvina, un “vero anfiteatro immerso nelle nostre colline”, nelle parole dell’assessore alla Cultura Giovanni Bocchino. “Canelli al Balbo ed en plein air” il titolo del cartellone, che riassume l’intento di valorizzare con gli eventi teatrali il bel territorio canellese, sito riconosciuto dall’Unesco. Cinque spettacoli da fine maggio a fine luglio che spaziano dalla prosa alla narrazione, al circo, alla danza contemporanea, per una stagione aperta all’incontro, alla condivisione e alla promozione del turismo. Il primo appuntamento sarà al Balbo, giovedì 26 maggio, con Lella Costa, una signora del teatro in scena con “Questioni di cuore”. La serata sarà anche l’occasione per annunciare i successivi appuntamenti della rassegna estiva che si terranno all’Anfiteatro alla Moncalvina, in reg. San Giovanni 126.

La stagione è realizzata dal Comune di Canelli in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo e il Teatro degli Acerbi ed ha il sostegno della Fondazione CRT e della Fondazione CRAsti. Il programma estivo è legato al progetto del Teatro Balbo che ha visto come main sponsor Bosca e Arol SpA e sponsor Enos srl, Banca di Asti, Cavagnino & Gatti Macchine Etichettatrici, DRC Costruzioni Generali srl e Punto Bere srl.

Si comincia giovedì 26 maggio alle ore 22 al Teatro Balbo: Lella Costa in “Questioni di cuore” darà voce alla rubrica curata da Natalia Aspesi su “Il venerdì” del quotidiano Repubblica. Un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani nel corso degli ultimi trent’anni. I tradimenti, le trasgressioni, le paure, i pregiudizi. Migliaia di storie intorno all’amore e alla passione. Tutti hanno scritto a Natalia Aspesi chiedendo un consiglio, un parere. E le risposte, argute, comprensive, feroci, spesso sono più gustose delle domande. Lella Costa, in un gioco di contrappunti tra botta e risposta, raggiunge tutte le sfumature, i diversi gradi d’intensità e di intimità.

Si passa poi agli spettacoli all’aperto.

Domenica 12 giugno alle ore 18 un appuntamento per bambini (dai 6 anni) e famiglie nel nuovo anfiteatro immerso nella natura, alla cascina La Moncalvina in reg. San Giovanni 126. In scena, della nota compagnia Stilema, specializzata in spettacoli per la gioventù, lo spettacolo “Di qua e di là. Storia di un piccolo muro” di Silvano Antonelli, con Roberta Maraini.

La programmazione all’aperto proseguirà, sempre all’Anfiteatro alla Moncalvina: venerdì 17 giugno alle ore 21.30 l divertentissimo “La storia di Taborre e Maddalena” con in scena lo straordinario narratore pugliese Enrico Messina, accompagnato dal musicista Mirko Lodedo. Questo lavoro nasce dall’incontro di un attore e un musicista che, ritrovatisi intorno ad una tavola imbandita con cibi semplici, hanno cominciato a raccontare. Nello spettacolo ogni volta il menù della cena è diverso, in questo caso sarà con i piatti tipici e i vini canellesi, mentre il dialetto piemontese entrerà nella parlata del narratore. Il cibo, soprattutto a Canelli, diventa elemento identitario per il pubblico che, nel convivio e nel racconto delle cose in tavola vi si riconosce.

A luglio si comincia domenica 3 luglio alle ore 21 con il circo contemporaneo: la Compagnia Nando e Maila porterà in scena lo spettacolare “Kalinka”, per tutti, grandi e piccini. Uno spettacolo che, attraverso il clown musicale, esplora la storia di una coppia di artisti ben assortita che ha del felliniano e dei personaggi del circo tradizionale. In “Kalinka” la musica dal vivo si intreccia con gag, tormentoni, acrobazie aeree e giocolerie.

Spazio poi alla danza contemporanea: venerdì 15 luglio alle ore 21.30 ci sarà “Il corpo sussurrando” serata composta da varie coreografie e danzatori di BTT Balletto Teatro Torino. Le coreografie che saranno presentate nell’anfiteatro immerso nelle colline Unesco saranno “Kiss me hard before you go_duet”, coreografia di Jose Reches con i danzatori Lisa Mariani e Flavio Ferruzzi, “Essere singolare plurale” con Luca Tomasoni e Nadja Guesewell ed infine “Play_bach”, coreografia di Manfredi Perego con i danzatori Nadja Guesewell, Lisa Mariani, Viola Scaglione, Flavio Ferruzzi, Luca Tomasoni. Un appuntamento molto accattivante per gli appassionati, ma anche per tutto il pubblico.

Il programma si concluderà mercoledì 27 luglio alle ore 21.30 con “Dita di Dama”, tratto dal romanzo Dita di dama di Chiara Ingrao, con una straordinaria prova d’attrice di Laura Pozone. Gli anni ’70, raccontati non attraverso lo stereotipo degli anni di piombo, ma indagando percorsi di libertà e di dignità che sfidano tuttora il nostro grigio presente.

Saranno rispettati i protocolli COVID-19 per lo spettacolo dal vivo.

Biglietti per spettacoli: spettacolo del 26.05 15 € intero / 5 € ridotto (fino ai 12 anni), per gli altri 10 € intero / 5 € ridotto (fino ai 12 anni), spettacoli per bambini e famiglie 5 € biglietto unico.

È consigliata la prenotazione sul sito Appuntamento Web, dal 16 maggio.

Informazioni su: sul sito e sui social di Visit Canelli e Teatro degli Acerbi e del Teatro Balbo Canelli.