Dall’11 giugno all’11 settembre il Monfrà Jazz Fest

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Dall’11 giugno all’11 settembre 2022, senza interruzioni, ritorna il Monfrà Jazz Fest dove la musica, il territorio e i suoi sapori si fondono in modo indissolubile in oltre  40 concerti che vedono impegnati circa 150 artisti. Altrettanto protagoniste sono le location normalmente insolite per un concerto, capaci in realtà di esaltare proprio l’idea di festa che è già nel nome della manifestazione.

Al di fuori del palco principale al Castello di Casale vedremo infatti “Concerti cartolina” tra vigne, boschi, sagrati, piazze e cantine nei comuni di Gabiano, Mombello, Villamiroglio, Odalengo Grande, Ponzano, Cerrina, Villadeati, Olivola, Treville, Vignale, Sala. La musica servirà anche ad introdurci in tanti mondi diversi e contigui, ci saranno passeggiate musicali, fiabe in jazz, book in jazz, e momenti di “winejazz” dove il protagonista è il connubio tra le degustazioni dei vini monferrini e la musica.

Un festival che mai come quest’anno avrà collaborazioni importanti: si rinnovano i contatti con Biella Jazz Club in Piemonte e Borgo in Jazz in Molise.

adv-964

Tante le realtà che sostengono il MonJF 2022. Tra gli enti territoriali: Comune di Casale Monferrato e Unione dei comuni Valcerrina, Comune di Cerrina  Monferrato, Comune di Gabiano, Comune di Mombello Monferrato, Comune di Odalengo Grande, Comune di Ponzano Monferrato, Comune di Treville, Comune di Villadeati, Comune di Villamiroglio. Tra le aziende e imprese: Rolandi auto BMW, Krumiri Rossi Portinaro, Mazzetti d’Altavilla, Euroedil2. Content partner: Hic et Nunc, Distilleria Magnoberta, I Due Buoi, Botto Marco, Borgo in Jazz, Agrigelateria Panarotto, Cantinetta Resort. Partner tecnici a supporto dell’evento: Madamò, Enoteca Regionale del Monferrato. Tra le Associazioni del territorio: Pro Loco Odalengo Grande, Pro Loco di Ponzano, Pro Loco Piancerreto, Associazione J’amis en festa Villamiroglio, Circolo il Cortiletto, Associazione Amici del Po di Casale.

Un sostegno che ha contribuito a tener viva la fiamma del jazz quale “Espressione di libertà e libertà di espressione” come ricorda Ima Ganora, fondatrice del Fest e alla guida dell’Accademia Europea d’Arte Le Muse.  “In questi anni difficili per la musica dal vivo abbiamo sempre continuato a lavorare grazie a un gruppo di giovani musicisti che ormai sono lanciati verso una carriera europea, come il nostro direttore artistico Riccardo Marchese.  Le istituzioni locali, i volontari de Le Muse, gli appassionati, ognuno ha dato il massimo perché non si interrompesse l’esperienza unica, senza saltare nemmeno un’edizione. Siamo così potuti arrivare al 2022 decisi ad ampliare il più possibile l’esperienza con più concerti, più artisti e per coinvolgere ancora più comuni del Monferrato e luoghi che esprimono la bellezza di questa terra.  E con un valore aggiunto in più: quello di parlare di Jazz al femminile”.  

La presenza delle donne del jazz nel programma è infatti consistente e non solo nel ruolo di cantanti. In un mondo che è sempre stato molto maschile si fanno strada sempre più strumentiste, autrici e direttrici; come dichiara fin da subito la contrabbassista floreale sulla locandina realizzata da Elena Caterina Doria. Ma c’è un’altra caratteristica che contraddistingue i gruppi che troveremo sul palco come spiega Riccardo Marchese, “Il bello del MonJF è che è sempre stato capace di coinvolgere musicisti di tutte le età, proprio perchéé è una musica senza tempo. I set che troveremo spesso affiancano giovani già di alto livello tecnico con professionisti affermati in grado di trasmettere la loro sicurezza. E’ un feedback musicale che ha contribuito ad elevare in modo considerevole la qualità del festival”.

 

Il programma – giugno

Il Monfrà Jazz Fest 2022 inizia ufficialmente sabato 11 giugno al belvedere di Treville, con un “Salotto musicale” che vedrà esibirsi Scott Hamilton Quartet; domenica 12 giugno Gabriele Guglielmi, Gege Picollo sono alla cantina Hic et Nunc di Vignale per un concerto degustazione dedicato a Cole Porter.

Si entra decisamente nel vivo della festa sabato 18 giugno a Casale Monferrato dove all’imbarcadero di viale Gramsci va in scena “il Tramonto sul Po” accompagnato dalla musica degli “Affetti speciali” del Quartetto Frubers in The Sky, formati da Silvia Carbotti (voce), Max Carletti (chit), Stefano Profeta (cb) Paolo Franciscone (bat) con merenda sinoira.

Appena 12 ore dopo, alle 7 del mattino di domenica 19 giugno, un concerto cartolina che è diventato uno dei simboli del MonJF: l’alba sul Po sarà dedicata alla musica di Swift art project trio di Mattia Niniano (piano), Michele Millesimo (cb) e Camillo Nespolo (sax).  I concerti all’imbarcadero sono supportati dall’Associazione Amici del Po. Il fascino della loro colazione monferrina con panino alla Muletta e Barbera è leggendario.

Sempre domenica 19 giugno alle 17, altro concerto imperdibile per chi segue il MonJF: quello nel Bosco all’eremo di Moncucco di Odalengo Grande, su una collina appena fuori dall’abitato raggiungibile con dieci minuti di camminata.  Tra gli alberi si esibisce Sabrina Mogentale, figlia d’arte, nata in Brasile con Fabrizio Forte, chitarrista di formazione jazz e classica per un concerto che è un meraviglioso viaggio virtuale in Brasile. Anche qui d’obbligo la merenda offerta dalla proloco di Odalengo.

Il 21 giugno è la festa della musica e il programma prevede alle 21 nel cortile del Castello il concerto del MonJF  Young – About jazz con allievi e insegnanti dell’Accademia Le Muse, mentre alle ore 21.30 il Jazz Trio ‘Le Muse’ accompagnerà gli ospiti speciali biellesi, la giovanissima Camilla Rolando alla tromba ed il padre Angelo Rolando al trombone.

Mercoledì 22 giugno si festeggia il compleanno Unesco e il Castello di Casale ospita alle 21 il chitarrista Edoardo Liberati Synthetics, alle ore 21.30 ritorna a Casale il più famoso batterista italiano: Tullio de Piscopo, batterista, cantautore e percussionista. Presenterà un concerto unico pensato proprio per il Monfrà Jazz Fest insieme alla bellissima e travolgente voce di Patrizia Conte.

La festa riprende il 24 giugno al Castello di Casale. Alle ore 19.00 c’è un appuntamento di “winejazz” che abbina il concerto a degustazioni dei vini del territorio. Degusteremo la fisarmonica di Tazio Forte Duo in “Gipsy jazz ed altre storie…”

Alle ore 21 si esibisce sul palco Eleonora Strino Quartet. Gran finale alle 22 con Wally Allifranchini Quartet feat. Michael RosenIl celebre saxofonista nato nel 1963 ad Ithaca, nello stato di New York, viene ospitato dall’altrettanto famoso quartetto del saxofonista e arrangiatore Claudio (Wally) Allifranchini.

Sabato 25 giugno al Castello si comincia alle 19 con winejazz e il Roger Beaujolais Trio; alle 21 Riccardo Fioravanti Baritone Trio presenta “Cerri, una volta il Wes!” con il trio formato da Riccardo Fioravanti al basso baritono, Francesco Chebat alle tastiere e Maxx Furian alla batteria per omaggiare due dei più grandi chitarristi di tutti i tempi, caratterizzati da un’innata creatività melodica, un fantastico senso dell’humour ed una grande signorilità e gentilezza d’animo. Franco Cerri e Wes Montgomery, così distanti geograficamente, così vicini musicalmente.

Alle 22 Joyce Yuille & Concettini Quartet in cui il saxofonista molisano ritorna per il consueto gemellaggio col festival Borgo in Jazz accompagnato dalla splendida voce di Joice Yuille, energica front woman di origine newyorkese di Harlem dalla vocalità sofisticata, grintosa e al tempo stesso elegante che ci accompagnerà in un viaggio nell’American Songbook.

Ultima data del mese il 26 giugno, al Castello alle 19 un nuovo appuntamento di winejazz con Volver trio in “Bolero in jazz” e conclusione della serata tutta al femminile: alle ore 21.00 sarà sul palco Rita Payès, virtuosa e pluripremiata stella nascente del jazz europeo alla voce e al trombone, a cui si unisce Pol Batlle, chitarrista di Barcellona, per un concerto che racconta la storia della “Manzana” e di una incisione ritrovata diventata già leggenda nella musica catalana.  Segue la Maxentia Big Band, 20 elementi diretti da Eugenia Canale, affermata pianista e compositrice. Il titolo “CAPE” fa riferimento a Città del Capo per una serata dedicata al mix tra il jazz e la musica tradizionale sudafricana.

 

Il programma:

LUGLIO -AGOSTO 

Per la prima volta Monfrà Jazz Fest prosegue anche nel cuore dell’estate.  Gli appuntamenti di luglio cominciano l’8 luglio dalle 19 a Olivola a Villa Guazzo Candiani sede del Ristorante I Due Buoi, con una serata enogastronomica all’insegna del grande jazz con il quintetto DOCTOR JAZZ con Diego Borotti (sax) e Monica Fabbrini (voce) accompagnati da Fabio Gorlier (piano),  Giorgio Allara (contrabbasso) e Giorgio Diaferia (batteria).

Sabato 9 luglio alla cantina Hic et Nunc di Vignale si esibisce il duo di Tiziana Cappellino (voce e pianoforte) e Gabriele Pelli (tromba) per un concerto-degustazione che promette una notevole esperienza enogastronomica in un panorama da favola.

“Concerto cartolina” anche domenica 10 luglio nel giardino di Villa Il Cedro a Ponzano con Easytips trio formato Aura Nebiolo, Caterina Accorsi, Enrico Perelli con possibilità di visite al giardino e merenda sinoira.

Sabato 23 luglio il MonJF si trasferisce in Molise a Pietracupa per ricambiare la visita inviando il quintetto Doctor Jazz feat. Diego Borotti.

Si va poi al cuore dell’estate: il 13 agosto, un nuovo concerto degustazione a Hic et Nunc di Vignale con i Va de Bolero Quartet – formati da Edda Pando voce,  “Cesc” Marco Franceschetti sax, Toti Pumpo, chitarra e Riccardo Vigorè contrabbasso.

Domenica 14 agosto alle 18 a Piancerreto di Cerrina si esibisce il Gandin-Panico duo in “Omaggio al cinema” con la possibilità di visite guidate alla casa museo di Armand Gatti e con la merenda sinoira a cura della proloco di Piancerreto. La stessa sera alle 20 a Mombello c’è il Soul Kitchen Duo a ‘La Cantinetta Resort’; anche in questo caso la degustazione è una parte integrante dell’esperienza.

E naturalmente è in programma un concerto anche il 15 agosto, sarà qualcosa di speciale anche se è al momento in fase di definizione.

SETTEMBRE

Il programma che si sta componendo in queste settimane vede già confermati, per sabato 3 settembre l’Orange Blues Band  (Gigi Andreone, Laura Perilli,  Matteo Bergamini, Andrea Rogato, Alessandro Casè).

Il 4 settembre a Villamiroglio l’Italo American swing duo (Max Giglio, Max Giusio) e nella stessa data l’appuntamento di Book in jazz a Villadeati con Tommaso Profeta, Stefano Profeta e lo scrittore Guido Michelone che presenta il suo volume Io sono un Jazzista.

Sabato 10 settembre altro concerto iconico del cartellone MonJF alla Distilleria Magnoberta di Casale: dalle 20.30 è di scena Jazz in distilleria – concerto degustazione con The Kitchen Swing band (Gigi Andreone, Alberto Gandin, Mara Panico, Lorenzo Cucco, Riccardo Marchese).

Domenica 11 settembre al mattino si ritorna a Odalengo Grande, questa volta alla Big Bench Tartufina con The American Songbook (Accorsi, Di Gennaro), mentre alle 19.30 ci si sposta al Belvedere di Gabiano per ascoltare i Vinaccia Ensemble (Daniele Soriani, Marco Tessarin, Luigi Scuri, Gabriele Pelli).  Il MonJF toccherà poi il centro storico di Casale sabato 10 e domenica 11 settembre per le Passeggiate Musicali in occasione della Festa del Vino e proseguirà anche nei mesi di ottobre e novembre con il progetto Fiabe in Jazz in collaborazione con il Biella Jazz Club.

I biglietti

I concerti hanno diverse tipologie di biglietto: alcuni a ingresso libero, altri con un ticket di ingresso legato alla degustazione, altri ancora hanno prezzi simbolici di 2 Euro (1 Euro ridotto), quelli al Castello prevedono 10 Euro per tutta la serata (ridotto € 5). I concerti degustazione di winejazz (concerto con aperitivo in collaborazione con Enoteca Regionale del Monferrato): intero € 7, ridotto € 5.  Le riduzioni sono per under 25 e per i soci Le Muse. Per scoprire i costi dei singoli concerti e acquistarli è attivo il sito www.monjazzfest.it/