Il 7 luglio alla Fondazione Longo la prima di “Stanotte nessuna poesia servirà” e il dialogo tra “Donne dagli occhi grandi”

CASTELLAZZO BORMIDA – Giovedì 7 luglio, alle 21, nuovo appuntamento con la rassegna “E a un certo punto il rosso cambiò colore” alla Fondazione Luigi Longo, in via Baudolino Giraudi 421 a Castellazzo Bormida.

La serata, dal titolo “Una valigia che sa di fuga“, sarà aperta dall’incontro “Donne dagli occhi grandi” con la partecipazione di Francesca Brancato, formatrice e consuelor, Daniela Tusa, attrice e insegnante di teatro  e Cristina Nico, cantautrice e ideatrice del Lilith Festival, per proporre, pensare, sognare e iniziare a costruire le prossime iniziative dedicate alle donne e all’identità di genere che verranno ospitate prossimamente nella sede della Fondazione.

Seguirà la Prima Nazionale del recital “Stanotte nessuna poesia servirà” con gli attori Silvia Zacchini e Francesco Ghezzi ispirato all’opera poetica di Adrienne Rich – poetessa, saggista, insegnante, attivista femminista e lgbt, antimilitarista statunitense.

adv-64

La rassegna “E a un certo punto il rosso cambiò colore” è curata artisticamente da Paolo E. Archetti Maestri ed Eugenio Merico, ha il patrocinio del Comune di Castellazzo Bormida e vanta la collaborazione de l’Associazione Gioco del Mondol’Associazione Memoria della BenedictaRadio Gold e della Ristorazione Sociale “Ristò”.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. Resta gradita la prenotazione ai numeri: 338.3285336 345.7395242 393.9094004, oppure scrivendo a segreteria@fondazioneluigilongo.itGli eventi si terranno al coperto nelle sale espositive della Fondazione Longo.