Dal 17 settembre al 12 novembre il Festival Internazionale “A. F. Lavagnino”
adv-855

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Dal 17 settembre al 12 novembre l’Alessandrino si terrà la 22esima edizione del Festival Internazionale “A. F. Lavagnino”. La rassegna, a cura dell’Orchestra Classica di Alessandria, celebra uno dei più importanti e prolifici compositori cinematografici italiani e quest’anno prevede cinque serate che toccheranno diverse città della provincia.

L’evento inaugurale sarà sabato 17 alle 18 nella Sala d’Ingresso del Comune di Gavi, definita da Girardengo “il buen retiro del Maestro Lavagnino”. Qui ci sarà la presentazione di un libro in cui sono stati raccolti gli scritti e pubblicate le conferenze del musicista. “Il difficile mestiere del compositore cinematografico” è il tema trattato dal curatore del volume, il ricercatore di musicologia all’Università di Pisa e docente di Storia della musica e Musica per film Alessandro Cecchi. In questo testo, accompagnato anche da una selezione di interviste, Lavagnino spiega in modo preciso e professionale, ma anche con tono ironico e scanzonato, in cosa consista il difficile mestiere del musicista cinematografico, una professione che lui stesso contribuì a ridefinire integralmente attraverso una pratica a tutto campo e una meditata riflessione sul rapporto fra suono, musica e immagine. L’incontro sarà accompagnato da proiezioni e interventi a cura della Prof.ssa Alessandra Lavagnino – figlia del Maestro, insegnante di Lingua e cultura cinese e Direttore dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Sabato 24 Settembre alle 18.15 al Chiostro della Cattedrale di Nostra Signora Assunta di Acqui Terme ci sarà “Un frammento di canto d’amore. Pier Paolo Pasolini e Johann Sebastian Bach”. L’evento è realizzato in collaborazione con Rotary Club Acqui Terme ed è dedicato al centenario della nascita di Pasolini. Quest’ultimo, da ragazzo aveva studiato il violino quando la famiglia era sfollata a Casarsa durante la seconda guerra mondiale. Le lezioni con la sua insegnante si concentravano sulla musica di Bach, in particolare sulle Sonate e partite per violino solo: da qui l’idea dello spettacolo con le musiche del compositore tedesco, Marco Rizzi al violino e lo scrittore e storico della musica Sandro Cappelletto testo e voce narrante.

Sabato 8 ottobre 2022 alle 21 al Teatro Alessandrino aneddoti, riflessioni e colonne sonore dal titolo “Caterina Caselli, il cinema canta con lei”. Durante la serata ci sarà la proclamazione dei vincitori del Premio “Adelio Ferrero” 2022 e la consegna del Premio “Claudio G. Fava” 2022. Caterina Caselli si racconterà ai giornalisti Luca Dondoni e Alessandra Comazzi e al critico cinematografico Steve Della Casa. I Solisti dell’Orchestra Classica di Alessandria eseguiranno composizioni per film con musiche di L. Bacalov, A.F. Lavagnino, M. De Sica, C. Rustichelli, P. Soffici e P. Conte.

Il Festival tornerà a Gavi il 9 ottobre alle 21. La Tenuta La Giustiniana sarà lo scenario di un favoloso Amarcord di colonne sonore e di una doppia consegna di premi, il “Lavagnino Arranger, Composer Award” 2022 al famoso musicista Demo Morselli e il “Lavagnino Artistic Director Award” 2022 a Michele Muti, storico, fonico presso la mitica Fonogram e dopo nell’ufficio artistico della casa discografica Polygram, Fonic Cetra e nella struttura delle produzioni musicali Mediaset.  L’ingresso sarà ad offerta per un service del Rotary Gavi Libarna sul territorio e lo sarà anche per l’ultima data, sostenuta dalla Fondazione Piemonte dal vivo. La rassegna si chiuderà sabato 12 novembre alle 21 nell’ottocentesco Teatro R. Marenco di Novi Ligure. Qui l’Orchestra Classica di Alessandria racconterà anniversari e ricorrenze di ieri e oggi attraverso le musiche di E. Morricone, C. Rustichelli, A.F. Lavagnino, L. Bacalov e M. De Sica. A introdurre i diversi momenti, Giulio Graglia.