APRE: gli spettacoli della nuova stagione del Teatro Sociale di Valenza
adv-172

VALENZA – Inizia il 4 novembre la stagione APRE del Teatro Sociale di Valenza con la direzione artistica di Roberto Tarasco, quella organizzativa della Coop CMC/Nidodiragno, diretta da Angelo Giacobbe, e di Fondazione Piemonte dal Vivo, sotto l’egida del Comune di Valenza. Sei spettacoli dal 4 novembre a 3 marzo. Spiccano grandi nomi come Stefano Massini e Fabio Troiano, ma anche la giovane compagnia PEM di attori diplomati allo Stabile di Torino e la varietà del cartellone.

PROGRAMMA DI APRE 

Venerdì 4 novembre –  “Cose che non avremmo sperato di potervi dire”, pirotecnico spettacolo che unisce sullo stesso palco lo scrittore e divulgatore Roberto Mercadini (oltre 155.000 i follower del suo canale YouTube) e Guido Catalano, vera e propria rockstar della poesia italiana. Mercadini e Catalano, simili e complementari, opposti e analoghi, raccontano le proprie solitarie vicissitudini e la loro lunga amicizia, fra palesi somiglianze e altrettanto palesi differenze: un inedito incontro tra due geniali sensibilità umane e artistiche.

adv-679

 

 

 

Sabato 26 novembre – lo scrittore e drammaturgo Stefano Massini in “Alfabeto delle emozioni”, un viaggio, struggente e ironico, nel labirinto del nostro sentire.In un immaginario alfabeto in cui ogni lettera è un’emozione (P come Paura, F come Felicità, M come Malinconia…), Massini trascina il pubblico in un susseguirsi di storie e di esempi irresistibili, con l’obiettivo unico di chiamare per nome ciò che ci muove da dentro. Scorrono visi, ritratti, nomi, situazioni. Si va da Arthur Conan Doyle al grande Chagall, da Al Capone alla moglie di Giosuè Carducci.

 

Venerdì 9 dicembre“Prometeo”, per la regia di Gabriele Vacis e la scenofonia di Roberto Tarasco. In scena undici giovani attori del gruppo PEM Potenziali Evocati Multimediali. Nei loro corpi, animati dalle parole di Eschilo, rivive il mito di quel Prometeo, portatore della conoscenza ma anche simbolo della ribellione e del coraggio. Uno straordinario percorso drammaturgico, condiviso da Vacis con tutti gli attori, che attraversa la parola, l’azione fisica, il canto e la musica.

 

Sabato 4 febbraio –  nell’ambito della rassegna diffusa di danza contemporanea “We Speak Dance”,  “Un Poyo Rojo”, un progetto nato a Buenos Aires nel 2008 ad opera dei coreografi e performer Nicolàs Poggi e Luciano Rosso. Uno spettacolo esplosivo, che contamina danza e atletica, arti marziali e acrobatica, clownerie e variété: una divertente partitura corporea, animata dai bravissimi Alfonso Barón e Luciano Rosso, fatta di seduzione e conflitto, desiderio e comicità.

 

 

Sabato 18 febbraio – “Innamorati” messo in scena da una apprezzata realtà locale: la Compagnia Spazio Idea, diretta da Simona Barbero. Lo spettacolo è liberamente tratto dal testo teatrale ‘Gl’innamorati’ di Carlo Goldoni e la rappresentazione si muove tra due polarità: ragione e follia dei due amanti che prendono per mano il pubblico e lo accompagnano verso il loro gioco/tormento amoroso.

Venerdì 3 marzo – “Il dio bambino”. Terzo capitolo del teatro d’evocazione di Gaber e Luporini, Il dio bambino è un testo di tragicomica contemporaneità sulla crisi di un uomo di mezza età, in bilico fra responsabilità ed eterna adolescenza. La regia di Giorgio Gallione ne valorizza attualità ed empatia e trova un perfetto connubio con l’interpretazione del talentuoso attore di cinema, teatro e tv Fabio Troiano che, contrappuntato dalle canzoni di Gaber, restituisce l’ironia, il cinismo ma anche la tenerezza di questa pièce.

Gli ingressi per “Cose che non avremmo sperato di potervi dire”, “Alfabeto delle emozioni”,  “Il dio bambino”  costano intero 20€ / ridotto 15€,   gli spettacoli “Prometeo”, “Un Poyo Rojo”, “Gl’innamorati”  15€ intero / ridotto 10€ . La card Teatro per tutti i sei spettacoli costa 75 euro. La prevendita è già attiva.