Sabato 3 dicembre a Cerro Tanaro “Gino Bartali. Eroe silenzioso”

CERRO TANARO – Continua anche a dicembre  “Cunté Munfrà – dal Monferrato al mondo” con il suo  percorso attraverso le stagioni, i tempi e i momenti rituali. La rassegna, promossa dal Comune di Castagnole Monferrato e della casa degli alfieri /Archivio Teatralità Popolare, ideata da Luciano Nattino e ora diretta da Massimo Barbero, si è affermata per la sua unicità ed attenzione alla valorizzazione e promozione della conoscenza del patrimonio linguistico e culturale del Piemonte.

adv-962

Sabato 3 dicembre alle ore 21 a Cerro Tanaro nella Confraternita della SS.Trinità ci sarà lo spettacolo “Gino Bartali. Eroe silenzioso” con Federica Molteni, di Luna e Gnac Teatro. In scena una narrazione al femminile che emoziona, diverte, fa riflettere e che arriva a “Cuntè Munfrà” per la duecentocinquantesima replica tra festival, stagioni teatrali e manifestazioni sportive nazionali e internazionali.  Nel 2013 Gino Bartali è stato dichiarato «Giusto tra le nazioni» dallo Yad Vashem, il memoriale ufficiale israeliano delle vittime dell’Olocausto, per aver salvato centinaia di ebrei durante la Seconda Guerra mondiale.   Gino Bartali, a soli ventiquattro anni, ha un grande sogno: vincere Giro d’Italia e Tour de France nello stesso anno. Ma la Storia, incarnata nel fascismo, entra prepotentemente a cambiare i suoi piani: la sua vita sportiva viene piegata alle mire del Duce, che vorrebbe fare di Bartali l’ambasciatore azzurro del fascismo nel mondo…ma lui non ci sta. E’ qui che inizia la pagina meno nota della vita di Ginettaccio, che aderisce come staffetta alla rete clandestina organizzata dall’arcivescovo di Firenze Elia Dalla Costa. Comincia così una “corsa giusta”, nella speranza che il mondo cambi e ritrovi il suo senso. Una storia per parlare dell’Italia e degli italiani al tempo del fascismo, della fatica dello sport e del silenzio delle azioni più coraggiose; per raccontare la vita di un campione sportivo, ma soprattutto di un uomo che ha scelto da che parte stare. Una storia che Bartali ha sempre tenuto nascosta, perché “il bene lo si deve fare ma non lo si deve dire, che se lo dici si sciupa”. Lo spettacolo è tratto dal romanzo “La corsa giusta” di Antonio Ferrara (editrice Coccole Books), le scenografie sono di Michele Eynard, la regia è di Carmen Pellegrinelli.

L’ingresso è gratuito. Info: cell. 3287069085 – info@archivioteatralita.it – archivioteatralita.it

Dalle ore 20 sarà inoltre aperto il Museo della Bicicletta Sarachet in piazza della Stazione. Esso è situato al primo piano della stazione ferroviaria Rocchetta Tanaro – Cerro, concepita quale polo di interscambio tra ferrovia e bicicletta, accoglie la collezione di biciclette storiche, macchinari e accessori legati alla produzione di biciclette a opera di Guido Saracco detto “Sarachet”. Personaggio astigiano poliedrico ed estroso corridore ciclistico, costruttore di biciclette per mestiere e passione, musicista e inventore di strumenti musicali, poeta dialettale ed animatore

La rassegna è sostenuta dalla Regione Piemonte, dal Consiglio regionale del Piemonte, dai Comuni ospitanti, dalla Fondazione CRAsti e dalla Fondazione CRT.