TERRUGGIA – Si è conclusa venerdì 27 gennaio al Teatro delle Muse di Terruggia, registrando un grande successo di pubblico, soprattutto giovanile, la rassegnaEconomia & Teatro” 2016/2017, che coniuga il mondo dell’economia e le contaminazioni in ambito sociale, culturale e ambientale, attraverso il linguaggio leggero e immediato del teatro.

L’ultimo appuntamento della manifestazione è stato dedicato al tema spinoso della crisi economica e al ruolo esercitato dalle banche nella sua determinazione mentre la pièce teatrale non poteva che essere affidata al famoso burattino di Carlo Collodi: Pinocchio.

La serata ha aperto il sipario con un breve resoconto di tutta la manifestazione tracciato dal Sindaco Giovanni Bellistri, evidenziando il valore culturale della manifestazione e il coinvolgimento di tante istituzioni formative e culturali in un’esperienza di collaborazione significativa e importante per la crescita del territorio. La Preside dell’Istituto Leardi, Prof.ssa Nicoletta Berrone, ha invece rafforzato gli aspetti accennati dal Sindaco, ribadendo la soddisfazione di aver coinvolto i ragazzi del Leardi a partecipare a questa esperienza formativa e interdisciplinare, molto utile per il loro arricchimento culturale.

adv-227

Il tema della serata, con grande chiarezza espositiva e argomentazioni rigorose alla portata di tutti, è stato sviluppato dal Prof. Angelo Miglietta, ordinario di economia delle aziende e dei mercati internazionali ed economia dell’Unione Europea, dell’Università IULM di Milano, e molto noto nel Monferrato. Tema certamente non facile da trattare in poco tempo e in uno spazio colmo di uditori con sensibilità differenti. Angelo Miglietta, partendo da una definizione puntuale di cosa significhi la parola “Crisi”, ha evidenziato che non tutte le Crisi hanno lo stesso significato, la medesima origine. In particolare si è soffermato sull’attuale crisi economica, annoverabile a una “Crisi di Debito”, che trae origine dal deterioramento dei mutui “subprime” manifestatosi negli Stati Uniti già dal 2006 e rapidamente estesosi in tutto il sistema bancario mondiale. L’esito di questi eventi ha portato a una crisi di fiducia dei risparmiatori, che ha contribuito in modo decisivo ad avviluppare la crisi sempre più su stessa.  Come tutto questo si è determinato? Come uscirne? E soprattutto, i risparmiatori come possono orientarsi per non vedere svalutare i loro sudati risparmi? Il Prof. Angelo Miglietta, preliminarmente ha precisato che la crisi delle Banche non deve assolutamente confondere le istituzioni Banche con i soggetti cui è affidata la Governance delle stesse.

L’argomento naturalmente si è poi incentrato nello specifico del caso italiano, dove, a parer del relatore, il punto critico delle banche italiane è da ricercarsi nelle fondazioni bancarie che, di fatto, sono i reali responsabili del governo delle banche. Molte sono state le domande del pubblico e tutte hanno avuto risposte esaurienti.

Calogero Marchese ha interpretato e diretto magistralmente il ruolo di Pinocchio, dello spettacolo: “La Banca di Pinocchio”, tratto dalle avventure di Pinocchio, con adattamento per opera di Colapesce. Supportato dai bravissimi attori Alessandra Tartaglia e Marco De Martin, e con il contributo degli allievi dell’Istituto Leardi di Casale Monferrato, Calogero Marchese, ha portato in scena la Gang Pinocchio, il gatto, la Volpe, in esilarante parodia trattando tutte le questioni fondamentali che sorreggono le banche e i loro, non sempre trasparenti, affari.

adv-313

La serata è infine terminata con il buffet, a base di bugie, cioccolata calda e tè, offerto dalla Signora Anna del “Bar del Municipio” di Terruggia.