ALESSANDRIA –  Cia e Confagricoltura Alessandria hanno unito la voce per far arrivare le richieste del mondo agricolo danneggiato dalle continue alluvioni “a tutti i livelli istituzionali”. Il nuovo sistema di argini lungo il nodo fluviale tra Tanaro e Bormida sta proteggendo le città ma lascia sfogare nei campi i fiumi e i rii gonfiati da piogge sempre più violente e sempre meno “eccezionali“. La politica, hanno esortato Cia e Confagricoltura, deve quindi “reagire più rapidamente” per assicurare un risarcimento agli agricoltori e, soprattutto, deve predisporre un piano di messa del territorio che ormai “non è più derogabile“.

adv-167