PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Con il mese di luglio entra nel vivo la seconda edizione del “Benedicta Festival” dell’Associazione Memoria della Benedicta. Le “Conversazioni in Appennino” con storici e ricercatori si uniscono a concerti, mostre e merende sinoire per raccontare non solo il passato ma anche il presente dei territori legati alla Benedicta, dove nella Pasqua del 1944 si consumò la più grande strage di partigiani della storia della Resistenza italiana.

Nel primo appuntamento di luglio la rassegna si lega al festival “Attraverso” per lo spettacolo “R-esistenze” di Paolo Fresu e Bebo Ferra con Giuseppe Cederna, in programma sabato 9 luglio, dalle 18, all’Ecomuseo Cascina Moglioni, a Bosio (per i biglietti cliccate sul sito http://attraversofestival.it/programma-2022/)

Il giorno dopo, il 10 luglio, il “Benedicta Festival” dalle 16 sarà ancora tra i bellissimi paesaggi delle Capanne di Marcarolo per le “Conversazioni in Appennino” tra gli storici Vittorio Tigrino, Manlio Calegari e Diego Moreno, l’inaugurazione della mostra di Ivano Antonazzo, “La Resistenza e il battito di ciglia“, una gustosa merenda sinora e il concerto, dalle 18, de La Brigata SconVoltri (ingresso gratuito).

Il 17 luglio, dalle 16, sarà protagonista delle “Conversazioni in Appennino” alla Benedicta il registra alessandrino Lucio Laugelli con il suo docu-film” We Cannot Live under that flag” e dopo la merenda a base di prodotti tipici della zona di Capanne di Marcarolo si terrà il concerto di Daniele Gennaro, Mara Tinto e Giorgio Penotti (ingresso gratuito).

Il Benedicta Festival proseguirà poi il 24 luglio con l’incontro con Andrea Montorio, il co-fondatore di Promemoria Group, la prima realtà italiana specializzata nel recuperare, proteggere e valorizzare la memoria storica di grandi aziende, istituzioni culturali e collezioni private e con il concerto de “Lastanzadigreta” (ingresso gratuito).

Sabato 30 luglio il “Benedicta Festival” si sposterà poi al Museo della Resistenza della Val Borbera, a Rocchetta Ligure per una speciale visita alla mostra “RED, tre mesi tra i ribelli”, la presentazione dei libri “Carte di famiglia” di Pietro Lazagna e “Rocchetta Val Borbera e val Curone nella guerra” di Giambattista Lazagna e il concerto di GANG e Yo Yo Mundi (ingresso gratuito).

Domenica 31 luglio l’appuntamento con il “Benedicta Festival” sarà poi alle 21 a Voltaggio per lo spettacolo “Inspired by the king” di e con Federico Sacchi, inserito all’interno di “Attraverso Festival” (ingresso gratuito).

Gli appuntamenti della seconda edizione del Benedicta Festival riprenderanno poi il 21 agosto a Cascina Pizzo con una domenica tra musica, artigianato, giochi per bambini e la consueta Merenda Sinoira che anticiperà il concerto di Chiara Giacobbe e Alessandro Balladore.

Il 27 agosto, alle 21, il “Benedicta Festival – Arte e Manutenzione della Memoria” si sposterà a Campo Ligure per uno speciale concerto di GANG e Yo Yo Mundi dedicato a Don Gallo e il 13 settembre andrà poi a San Salvatore Monferrato per la serata di “PeM – Parole e Musica in Monferrato” dedicata alla presentazione del libro di Alessio Lega “La resistenza in 100 canti”.

A fine settembre/inizio ottobre la seconda edizione del “Benedicta Festival” farà poi tappa nella sede dell’Isral di Alessandria per la mostra “Eine Andere Italienische Reise – Un Altro Viaggio In Italia Luoghi, Storia e Memoria della Seconda Guerra Mondiale in Italia“.

A chiudere la rassegna sarà lo spettacolo “Partigiani Sempre!” con Massimo Carlotto, Maurizio Camardi e Yo Yo Mundi, in scena a fine ottobre a Ovada.

 

adv-225