ALESSANDRIA – “Servono oltre 20 milioni di euro per alzare le difese spondali, soprattutto per il fiume Bormida”. Ai microfoni di Radio Gold il sindaco di Alessandria, Giorgio Abonante, ha chiarito l’azione dell’amministrazione a fronte delle novità emerse dall’aggiornamento del Piano di Bacino diramato da Aipo. “Nessuno vuole fare allarmismi ma” ha precisato il primo cittadino “come riportano le carte, in caso di piena contemporanea dei fiumi Tanaro e Bormida si allagherebbe tutta la città. Il nostro è l’unico Comune capoluogo del Piemonte interessato dall’adeguamento dei piani regolatori rispetto alla nuova pianificazione di bacino di Aipo”. 

A proposito del reperimento dei fondi, l’amministrazione ha già incontrato la Regione Piemonte, in particolare il presidente Alberto Cirio, e la Protezione Civile, parlando direttamente col Capo del Dipartimento Nazionale Fabrizio Curcio: “Il dottor Curcio si è messo a disposizione per ulteriori interlocuzioni con la Regione per poi arrivare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri” ha aggiunto Abonante “nel frattempo, nei prossimi mesi, dovremo adeguare il piano regolatore ai nuovi atti e andremo avanti nell’iter per il secondo ponte sul Bormida. Gran parte delle risorse già ci sono anche se mancano 2.5 milioni di euro per il completamento, una cifra mancante scaturita dall’adeguamento dei prezzi”.

adv-371