Da Pertuso a Sant’Alberto di Butrio, camminando nei boschi pavesi

PERTUSO (PV) – Tra i boschi d’Oltrepò esistono tracciati, vie e sentieri dal fascino incantevole. Come la via che da località Pertuso porta all’eremo di Sant’Alberto di Butrio, consentendo quasi di replicare il percorso battuto dai pellegrini in Alto Medioevo per raggiungere il celebre luogo di culto.

Dal parcheggio del piccolo cimitero in località Pertuso, ci si sposta subito in direzione dell’abitato; il sentiero comincia lì, appena dietro le ultime case. Un primo tratto in salita guadagna rapidamente quota nel bosco di castagni e, tralasciati tutti i bivi laterali, con una breve discesa giunge alla strada veicolare che da Pizzocorno porta all’ Eremo.

Attraversata la discesa, dopo una trentina di metri, si rimbocca il sentiero che per un breve tratto costeggia un largo prato verde, per poi riconfluire nel bosco a mezzacosta. Lungo i tornanti, oltre la fitta vegetazione si può intravedere da lontano la figura dell’austera abazia e, prima di raggiungerla, ci si può imbattere in una piccola cappellina sempre aperta; al suo interno, quasi a fare da abside, si trova la grotta di S. Alberto Eremita. Una breve salita porta al soprastante ingresso dell’Eremo. Sui lati del piazzale antistante potrete trovare utili servizi a conforto del pellegrino:  alcuni tavoli, una casetta di riparo e distributori di bevande.

Nel rispetto della quiete che contraddistingue questo luogo di preghiera e meditazione si possono visitare le chiese ed una buona parte del complesso.

adv-942

Pertusio-Sant’Alberto di Butrio è un percorso facile, su strade boschive e con un dislivello fino a 250 metri. Il tempo di camminata per raggiungere l’abbazia è di circa un’ora e mezza; più breve il ritorno, stimato in 60 minuti.

Seguite Radio Gold Pavia su Facebook e Instagram

Al minuto 20 nelle ore dispari, il giornale radio di Vivere il Pavese

Ascolta Radio Gold Pavia in streaming o sulle frequenze – Pavia Provincia: 87.9