L’Oltrepò Pavese protagonista nel weekend clou di Milano Wine Week

MILANO – L’edizione di Milano Wine Week è il massimo del vino italiano nella città da bere. Quella del 2021 è la IV edizione della Milano Wine WEEK: sono ben 1500 in totale i produttori coinvolti in tutto il circuito, quattrocento quelli coinvolti nei dieci District, dedicati a valorizzare le denominazioni che tutelano e promuovono le D.O.P. italiane del vino. Un messaggio chiaro all’insegna del vero made in Italy e una comunicazione perfetta per chi vuole proporre il vino “disciplinato”, quello che segue trasparenti criteri di certificazione.

adv-728

I Wine District durante la Milano wine Week hanno trasformato in terra del vino e di degustazione interi quartieri, trasformati in Wine District, ogni quartiere viene “adottato” da un Consorzio e i locali (ristoranti, bar, enoteche) si attivano per organizzare delle degustazioni con i vini della regione coinvolta. E ciò, con oltre 300 eventi aperti al pubblico, sommati a quelli così detti “per il business” che sono, invece, 150.

District Plinio-Eustachi, Perle d’Oltrepò Pavese

Il cuore della Wine Week risiede nei suoi dieci Districts. Il quartiere di Brera ospiterà il Consorzio per la Tutela del Franciacorta, Zona Sempione la denominazione Asti Docg, La zona di Gae Aulenti e Garibaldi è casa del Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg; Porta Venezia accoglie il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, mentre a Sanzio – Marghera – Ravizza è presente il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella. La zona Eustachi Plinio, come detto, è il luogo delle “Perle” con i vini del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese. A Porta Romana, poi, si può andare alla scoperta della denominazione del Lugana; in zona Isola sono protagonisti i vini e gli oli della Regione Liguria; ancora, sui Navigli, il Consorzio del Chianti, e infine, il Brunello di Montalcino è ospite in Galleria Vittorio Emanuele II.

Noi siamo andati a curiosare nel Wine District Perle d’Oltrepo Pavese un territorio che produce il 65 per cento del vino di Lombardia e che si sta facendo conoscere per eccellenti bollicine metodo classico, per il suo pregiato riesling, per il rosso elegante Pinot nero, per la Bonarda popolare e sempre più trendy , anche in versione mixology per il curioso Sangue di Giuda, il rosso dolce per il dolce.

Ascolta Radio Gold Pavia sulle frequenze DAB+  canale 7C  a Milano e nelle province di Lodi, Monza e Brianza

adv-272

Seguite Radio Gold Pavia su Facebook e Instagram

Ascolta Radio Gold Pavia in streaming 

Al minuto 20 nelle ore dispari, il giornale radio di Vivere il Pavese