Shaping Wine: in Bocconi il Progetto Sostenibilità del C.T.V.O.P.

MILANO – A Milano e in collegamento con 11 città mondiali in questi giorni della Milano Wine Week, con eventi in digitale e in presenza, si è parlato di vino in ogni sfaccettatura. E soprattutto si è approfondito il tema delle denominazioni della sostenibilità – anche del vino – e dell’export, valore importante per l’economia italiana. Milano è vetrina fondamentale, eletta come Wine City in Italia e all’estero, simbolo di un’Italia del vino a denominazione il quale rappresenta la biodiversità del Belpaese. Il vino Made in Italy, vera e propria forza trainante anche della nostra economia mondiale.

adv-949

Un mondo ricco di valore che sta raccontando Milano Wine week, alla sua quarta edizione, fino a domenica 10, con 450 eventi per il pubblico e il business, con 1500 produttori coinvolti e in collegamento sulla piattaforma digitale con 11 città mondiali. Il convegno di approfondimento del Shaping Wine di SDA Bocconi ha visto trattare un tema fra i temi, quello fondamentale della sostenibilità, un argomento non generale ma complesso, che è stato sviscerato per raccontare i contenuti e gli orientamenti, anche le esperienze, del mondo del vino sempre più sostenibile e portato all’educazione della sostenibilità. Fatti e testimonianze che fanno capire quanta concretezza vi sia nel termine “sostenibilità” del settore wine.

Il convegno Shaping Wine, organizzato da Milano Wine Week con SDA Bocconi, che ha un vero osservatorio costante sul vino, ha raccontato anche le tendenze di mercato e puntato un faro su quello americano che sembra dettare legge quanto a tendenze e innovazione. Gilda Fugazza, presidente del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, presente per il secondo anno consecutivo al forum, particolarmente esperta di marketing del vino, ha spiegato come molti territori siano realmente orientati verso la sostenibilità della filiera vitivinicola, anche inconsapevolmente, e come sia necessario ribadire e comunicare tutti i concetti che compongono il Progetto Sostenibilità. “Oltre alla tutela ambientale la sostenibilità che deve diventare il nostro pane (e vino) quotidiano” – commenta la presidente Gilda Fugazza – “deve essere di carattere sociale ed economico. Solo con la concretezza di questi due aspetti che collocano la filiera vitivinicola nel mondo del lavoro (e dei lavoratori) e in quello economico della produttività e della innovazione, si può concorrere al Progetto Sostenibilità per così dire totale“.

Seguite Radio Gold Pavia su Facebook e Instagram

Ascolta Radio Gold Pavia in streaming 

adv-905

Al minuto 20 nelle ore dispari, il giornale radio di Vivere il Pavese

Ascolta Radio Gold Pavia sulle frequenze DAB+  canale 7C  a Milano e nelle province di Lodi, Monza e Brianza