Ricatto a luci rosse, in manette due alessandrini

MILANO – Estorsione e resistenza a pubblico ufficiale. Questi i reati a carico di un 40enne residente ad Alessandria e un 21enne di origine romena domiciliato a Monza. Ad arrestarli sono stati i carabinieri di Cantù in via Fiammenghini dopo la denuncia presentata dalla vittima, un uomo diventato bersaglio di continue richieste di denaro. Tutto è nato quando la vittima ha reperito su Internet il contatto di una escort transessuale poi rivelatasi essere il 40enne di Alessandria. Quando però l’uomo ha rifiutato di consumare il rapporto sessuale sono partite le minacce e l’estorsione.

Nel periodo tra il 5 e il 13 agosto i due malfattori si sono fatti consegnare oltre 16 mila euro dal cliente sventurato. L’uomo, infatti, aveva paura che la coppia di delinquenti svelasse il suo segreto ai familiari. Dopo giorni di vessazioni la decisione poi di denunciare, da qui il blitz dei militari intervenuti nel luogo concordato per l’appuntamento della consegna di una nuova somma di denaro. Quando sono stati bloccati i due hanno tentato di fuggire. L’arresto è stato convalidato per entrambi con misura cautelare solo per il 21enne al quale è attribuita la responsabilità dell’intera vicenda.