COSTIGLIOLE D’ASTI – Identità culturale, valorizzazione del patrimonio artistico ed architettonico e contaminazione tra arti diverse. Sono solo alcune delle linee portanti del progetto “Castello di Costigliole d’Asti, il racconto e la cultura del territorio“, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore) attraverso il bando “I luoghi della cultura 2018” e promosso dal Comune di Costigliole d’Asti in partnership con il Teatro degli Acerbi e l’Associazione CRAFT.

Sono tante e varie le azioni previste, che si compiranno entro la primavera 2020, e che andranno a costituire un “biglietto da visita” unico ed irripetibile per il sito e per il territorio circostante. La programmazione di giugno prevede parecchi appuntamenti, ambientati sia nella cornice dell’imponente Castello di Costigliole, importante simbolo dell’identità culturale del Monferrato, sia sul palco del Teatro Municipale.

Nella prima settimana di giugno sono in programma alcuni spettacoli teatrali realizzati con allievi dei corsi di recitazione del Teatro degli Acerbi e con gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Costigliole d’Asti.

adv-56

Il suggestivo cortile interno del Castello farà da palco sabato 1° giugno alle 21 agli allievi del Laboratorio adulti avanzato diretto da Elena Romano, che porteranno in scena “Il Borghese Gentiluomo”. Il gruppo “senior” degli allievi del teatro degli Acerbi, dopo una prima parte di percorso incentrata su voce, dizione e interpretazione del testo a cura dell’attore Francesco Visconti, si è cimentato nella messa in scena del classico di Molière riveduto e “scorretto” con la regia di Elena Romano.

Mercoledì 5 giugno alle 21, nello stesso luogo, saranno in scena i bambini del laboratorio 7/11 anni diretti da Fabio Fassio ed Elena Romano con “Pinocchi”, adattamento teatrale di “Pinocchio, storia di un burattino” di Carlo Collodi a cura di Fabio Fassio. Le musiche di Enrico Tiso eseguite saranno eseguite dal vivo dalla Yamabanda – orchestra giovanile di Portacomaro diretta dal Maestro Marco Scassa.

La storia di Pinocchio è un grande gioco di note, parole ed azione. Siamo tutti un po’ Pinocchi e tutti quanti aspiriamo a diventare un po’ più umani attraverso il bene che riusciamo a fare nonostante Gatti, Volpi e Lucignoli siano sempre nascosti dietro l’angolo.

adv-464

Gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Costigliole d’Asti sono stati invece coinvolti da febbraio in laboratori teatrali, tenuti per la Primaria da Elena Romano e per la media “A.Bellone” da Patrizia Camatel, in un lavoro  sui temi del racconto, della cultura e della storia del territorio. Il percorso ha portato alla realizzazione di due saggi / spettacoli di fine anno, che verranno portati sul palco del Teatro Comunale.

Mercoledì 5 e giovedì 6 giugno alle 9.30 i 140 bambini della primaria rappresenteranno “C’era una volta… Bricco Lu” diretti da Elena Romano, la storia del leggendario Bricco Lu di Costigliole d’Asti scritta da Fabio Fassio e messa in scena dai bambini della scuola del paese, tra tosti Liguri, coatti Romani, riti druidici e dispetti dei Servan!

Venerdì 7 giugno alle 11 e alle 21 i 18 bambini della scuola media porteranno sul palco “Quod non fecerunt Barbari… fecit Barbera!” diretti da Patrizia Camatel. Il viaggio semiserio nel tempo racconta di Costigliole e del suo castello, di antiche vicende importanti e note ben al di fuori dei suoi confini: un passato di miti e leggende, la nobile casata degli Asinari, i personaggi di spicco del Risorgimento e poi lo sviluppo del settore vinicolo, a tutt’oggi un’eccellenza invidiata da molti.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito.

Negli orari di spettacolo sarà possibile visitare al Castello, nelle suggestive sale del piano nobile, in collaborazione con l’Associazione Costigliole Cultura, la mostra “Massimo Bertolini – Magma – il destino della forma e la scultura come impronta del nostro divenire”. Lo scultore toscano Massimo Bertolini presenta fino al 30 giugno opere eseguite con una vasta gamma di materiali (marmo, legno, ferro, corda e corden) negli ultimi anni. La personale si sviluppa in sette sezioni e presenta, inoltre, alcune sale dedicate a disegni e documentazione relativa a importanti momenti e avvenimenti artistici recenti che lo hanno visto protagonista.

Inoltre, domenica 16 giugno al Castello è in programma “ABaccaBianca 2019”. L’evento dedicato all’eccellenza dei vini bianchi piemontesi ritorna ed entra nelle forti ed eleganti mura del Castello di Costigliole d’Asti, luogo d’elezione per le degustazioni di circa 130 vini (selezioni in corso) che rappresenteranno la produzione in bianco di tutte le regioni vitivinicole piemontesi.

Info: www.comune.costigliole.at.it

Fb costiglioleAsti